Marty Rathbun: Mercante di Illusioni e Propaganda Nera

Che cos’hanno in comune le illusioni di Marty Rathbun e la sua campagna di PR negative?

Sono due forme di GIUSTIFICAZIONE.

Ecco come LRH definisce giustificazione.

Giustificazione: un meccanismo sociale che una persona usa quando ha commesso un atto overt e l’ha trattenuto. E’ un mezzo con cui una persona può alleviare la consapevolezza di aver fatto un atto overt cercando di sminuirlo. Ciò è fatto trovando colpe o biasimando. E’ giustificare le più flagranti scorrettezze. – LRH

Date un’occhiata ai crimini tecnici commessi da Rathbun e non starete più a chiedervi perché sta facendo questa propaganda negativa e illusoria. Ha portato le sue giustificazioni a un livello completamente nuovo.  E’ costretto a farlo, per convivere con se stesso.

L’enormità delle violazioni del Codice dell’Auditor da lui commesse eccedono la comprensione: sono troppo incredibili da digerire.

I suoi crimini tecnici sono stati denunciati proprio da quegli stessi preclear che lui ha intimidito e rovinato, preclear che hanno dovuto essere riparati in lungo e in largo.

E non è vero che le notizie di questi crimini tecnici sono state prese dai folder di Rathbun, come lui e la sua corte hanno cercato di fare credere ai mass media. Il punto è che i criminali non rivelano i loro reati, cercano di nasconderli, ma lasciano delle tracce dietro di sé.

Se messo alle strette anche quel pazzo di Rathbun dovrebbe alla fine ammettere, a denti stretti, che quella che sta portando avanti è una campagna di PR nero.

Marty crede di essere stato il “Miglior Auditor del Mondo”, solo per aver toccato con le sue mani i Volumi Tecnici: non ha fatto internati, non ha avuto nessuna supervisione di Qual.

Marty si è vantato di non aver neanche bisogno di mandare i folder dei suoi preclear al C/S dopo 30 sedute, grazie alla sua “bravura”. Ha pontificato sul fatto che con un semplice riconoscimento è stato in grado di sistemare anni di carica oltrepassata presente in un preclear che altri auditor non sarebbero mai stati in grado di risolvere e che ci sono voluti solo 3 secondi.

Marty Rathbun ha diffuso queste sue Degradazioni Tecniche anche sui mass media, per giustificare i suoi colossali overt di aver direttamente degradato Scientology e LRH, con il supporto della sua banda cloni: Mike Rinder, Amy Scobee, Tom DeVocht e altri.

E questo fa aumentare in Marty l’illusione di essere il Re degli “indipendenti”, di essere “standard” e un vero “Scientologist”.

Perché Marty si è trovato a dover vivere in un’illusione per sopravvivere?

Ecco cosa dice LRH a riguardo:

“Un Dub-in o un’illusione avvengono dopo un grave overt che probabilmente si può far risalire a uno scopo malvagio. Sembra una cosa semplice, ma è in realtà molto importante. Significa che una persona, una volta che ha commesso un grave overt e lo sta trattenendo, inizia poi a giustificare non solo le sue azioni ma anche il suo passato, usando falsi ricordi e false esperienze. Significa che veramente crede e ricorda falsi avvenimenti e false esperienze”.

Stiamo solo scalfendo la superficie qui, perché sfortunatamente esiste un numero pressoché infinito di esempi in cui Marty ha cercato di nascondere i suoi overt e i suoi scopi malvagi con delle giustificazioni.

Chissà mai  che qualcuno, leggendo quello che dice LRH riguardo alle giustificazioni, non riesca a vedere come stanno veramente le cose con il caro Re Marty.

Questa voce è stata pubblicata in Marty Rathbun: Crimini Tecnici, Squirrel Auditing e Training. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Marty Rathbun: Mercante di Illusioni e Propaganda Nera

  1. Monaco ha detto:

    Gente, questi non sono convinti che quel che fanno sia squirrel. Quelli che uno scientologo on source considera crimini tecnici, loro li giustificano. Sul blog squirrel un certo Simon Bolivar è arrivato a giustificare le squirrellate di Rathbun che audisce senza PC folder. Disserta sul fatto che non è vero che il meter deve essere revisionato perchè anche un tecnico elettronico qualunque lo può riparare e magari “migliorarlo”. Parla di praticare Scientology a casa sua. Proprio come propone Dan Koon. Queste non sono persone abbindolate da Rathbun, almeno alcuni di loro, sono dei veri e propri squirrel consapevoli delle porcherie che fanno e le giustificano. Sono ormai arrivati, secondo me, oltre il punto di non ritorno.

    • anvedio ha detto:

      Monaco, credimi, ne siamo consapevoli: alcuni di loro sono da lasciar perdere. Noi lavoriamo principalmente per salvaguardare la gente decente che potrrebbe essere enturbolata da loro. Se poi, strada facendo, alcuni dei meno compromessi, decidono di tornare sui loro passi, come alcuni hanno già fatto, c’è sempre la possibilità per loro di tornare dalla parte giusta. Altrimenti peggio per loro.
      Quando io e i miei soci abbiamo proposto di aprire questo blog e darci da fare, l’idea non era di “maneggiare gli squirrel”. Non è una cosa che fai con un blog e non la fai come public. Certo si può dare un contributo, ma il mio scopo è lavorare per le persone decenti o che hanno ancora un residuo di onestà e possono ricevere aiuto.
      Se ci pensi, questo ha un senso ed è allineato con la policy di Ron, perchè un soppressivo non accetta aiuto, non concepisce nemmeno l’idea che qualcuno possa aiutare. Lui è sicuro che chi dice di voler aiutare, in realtà lo vuole tradire, perchè lui fa del tradimento la sua vita.

I commenti sono chiusi.