La Strada Verso OT – di LRH

Che cosa significa diventare OT?

E’ una quantità definita, qualcosa di misurabile?

Una persona diventa OT da un giorno all’altro?

Cosa ha dovuto affrontare LRH nel suo viaggio per diventare OT?

Sollevo queste domande perché ogni tanto sento persone che invalidano lo stato di OT. Dicono che i livelli OT non sono reali, che non esistono veri OT.

Qualcuno ha recentemente incontrato un paio di squirrel con il ben preciso scopo di capire cosa loro pensano riguardo a OT.

Come immaginavamo, hanno molti criteri nascosti riguardo a OT. Se qualcuno non riesce a far svanire una casa da una strada con la forza dell’intenzione, allora non è OT.

Se qualcuno non è in grado di fare succedere qualcosa istantaneamente, allora non è OT. Giudica le cose usando i facsimile che ha creato.

Per loro OT è una cosa. Ritengono sia qualcosa che si può comprare, proprio come un abito che, se indossato, ti dà dei super poteri. Per loro è qualcosa che una persona dovrebbe AVERE, non qualcosa che dovrebbe ESSERE.

Il loro concetto è che se pagano, automaticamente la dovrebbero avere, come se stessero parlando di comprarsi una pizza.

Non capiscono le scale gradienti riguardo a OT. Non vedono che alcune persone sono più OT di altre, anche se dovrebbero essere in grado di farlo semplicemente guardandosi attorno. Non vedono che alcune persone diventano sempre più OT man mano che vivono la loro vita applicando la tech, mentre altre lo diventano sempre meno a causa di accumulo di overt, withhold e parole mal comprese. Giudicano gli altri tramite i loro criteri nascosti. Un vero lavoro di A=A.

Cosa interessante, la maggior parte delle persone che questi squirrel hanno indicato come coloro “che sanno” se gli OT esistono o no, sono quelle che anche noi conosciamo e che non sono OT nel significato che LRH attribuisce a questo termine.

Cosa dice LRH riguardo alla strada verso OT? Abbiamo pensato fosse interessante pubblicare uno dei rari articoli in cui LRH parla di sé stesso, descrivendo alcuni momenti del suo viaggio verso OT.

La Strada Verso OT

La strada a OT è lunga e difficile. Io lo so. E’ costellata da molti pericoli, non ultimo quello della sensazione installata d’irrealtà che dovrebbe rappresentare un’efficace barriera contro ogni via di fuga per l’Uomo.

Quanto duramente dovresti colpire un uomo per indurre un’amnesia totale? Piuttosto duramente. Le persone sono colpite da auto, treni, impatti tremendi. E nonostante ciò, ricordano chi sono.

Quanto duramente, quindi, una persona deve essere colpita perché dimentichi il suo intero passato? Beh, questo vi dice quanto duramente deve essere colpita.

La strada a OT è una strada in cui si torna gradualmente alla conoscenza, a un graduale distacco dall’amnesia, a liberarsi gradualmente dall’irrealtà.

L’irrealtà è il risultato d’invalidazione tramite forza. Colpisci un essere abbastanza duramente, causagli rotture di ARC sufficienti e ogni cosa diventa irreale. Come la conoscenza ritorna, allora l’irrealtà svanisce e lascia l’essere con un’aumentata conoscenza su chi lui è, dove è e perché.

Semplicemente, continua a far muovere bene il Tone Arm del meter su di un preclear e orientalo verso i corretti obiettivi sulla traccia e gradualmente le ombre della notte si alzeranno. E la conoscenza e la memoria torneranno.

Non sono i materiali sulla traccia a essere incredibili, quello che è incredibile è solamente il fatto di aver dimenticato.

Recentemente, come preclear in seduta, ero disperato. Mi sembrava di non fare alcun progresso, non avevo davvero fatto alcun progresso visibile nelle ultime sette sedute. Ma il mio auditor ha continuato a indirizzarmi verso lo stesso obiettivo, ha continuato a far muovere il Tone Arm.

L’auditor non ha cambiato i procedimenti, anche se io, come preclear ero sicuro per una volta, che non sarei mai riuscito a uscire da quel groviglio di facsimili confusi. Un incredibile periodo di traccia incredibile si era “disperatamente” raggruppato.

E poi, improvvisamente, in quella settima seduta, tutto divenne chiaro. E cinque minuti più tardi avevo dato al mio auditor lo schema della primissima GPM sulla traccia del tempo. E l’intera area del bank aveva iniziato a vacillare e dissolversi.

E nei giorni che seguirono mi sentivo pulito, come se mi fossi fatto un bagno cosmico. (Fino a che, naturalmente, ho cozzato contro la successiva “impossibile” barriera.)

La strada a OT è piena di trabocchetti. Ma un tone Arm che si muove e un auditor che lo mantiene in movimento e che ascolta, farà superare queste cose alla persona.

E non da ultima, quell’orribile sensazione d’irrealtà.

Quindi, quando leggete materiali sulla traccia intera e provate irrealtà, rendetevi semplicemente conto che un po’ di quell’irrealtà sta svanendo e che la conoscenza non è molto distante.

Ciò che è è. Ricordatevelo. Non è quello che qualcuno dice che è. Vi posso essere di molto aiuto e fornirvi la tecnologia e una mappa, ma è la vostra irrealtà che sparirà e la vostra conoscenza che tornerà.

Ora i cancelli sono aperti. Spalancati. Ma l’unico che può varcare quella soglia scura e affrontare il cammino per te sei tu.

L. Ron Hubbard
10 agosto 1963

Questa voce è stata pubblicata in Riferimenti di Ron. Contrassegna il permalink.

2 risposte a La Strada Verso OT – di LRH

  1. zorba il greco ha detto:

    Ron ha la capacità di leggerti dentro e indicarti le cose corrette ..

    Quando dice del senso di irrealtà installato (riferito all’auditing sui livelli OT) è proprio vero, ed è una delle tante trappole che il case ti mette lì per farti fare marcia indietro. Io ho sperimentato la stessa cosa … ma non ho fatto “il coniglio” e me la sono data a gambe levate, ho persistito fino a raggiungere lo stato previsto per quel livello OT.

    Grazie Ron e grazie a Etica e Verità che, a
    oltre ai documenti di smentita molto utili e illuminanti sulla banda Rathbun, sta anche andando a pescare riferimenti di Ron poco conosciuti (per lo meno da me)

    • Etica e Verità ha detto:

      Grazie a te Zorba.per le tue illuminanti precisazioni.
      Gli squirrel pensavano di “compreare” i livelli OT. Non è strano se poi non ce l’abbiamo fatta ad essere e fare gli OT.
      Pubblicheremo presto altre reference di Ron, è il giusto bilanciamento per il bullshit che si deve spalare per liberare la strada da quel che spargono questi personaggi.
      Buona lettura.

I commenti sono chiusi.