La Caduta degli “Angeli”

ovvero

La Strada per “l’Inferno” di Marty Rathbun

“Si può anche essere molto arrabbiati con i membri del gruppo, pensare e dire molte cose su quanto tutti abbiano torto e quanto quelle persone vi abbiano fatto questo e quello. Si può anche andare su Internet e trovare altre persone che dicono le stesse cose che voi dite e trasformare questa nella vostra “nuova realtà”. Purtroppo non funziona: non farà svanire i vostri overt, non è vero Marty?”.

Sono stato membro della Sea Org e per un certo periodo ho lavorato con terminali senior, vicino a COB e anche a Marty Rathbun, anche se non ero intimo di nessuno dei due. Conosco alcune delle persone che si sono unite al gruppo squirrel di Marty Rathbun, non ho contatti con alcuna di loro, ma riconosco i loro nomi.

Quando ero uno staff pranzavo e scherzavo con loro, conoscevo i rispettivi mariti e mogli, erano miei compagni di squadra.

Fui rimosso dal mio posto e finii in RPF*. Ho molta realtà su cosa significhi “cadere in disgrazia” da quel livello, com’è successo a Marty Rathbun, Mike Rinder e altri. E’ dura.

Quando una persona in Scientology lavora a quei livelli, ha molto autorità. Entra nella beingness del posto, in una linea theta molto potente.

Non è solamente il fatto che le altre persone ti ammirano o rispettano a causa della tua posizione. La vera havingness di un posto del genere è di avere l’incredibile opportunità di lavorare, giorno dopo giorno, sulle linee che assicurano una possibilità all’uomo di diventare libero. In un modo o nell’altro, passi ogni giornata assicurandoti che i tuoi simili abbiano la Scientology standard, e le persone hanno riposto in te la fiducia che porterai avanti i tuoi compiti con responsabilità.

Sfortunatamente, a quei livelli, è anche possibile prendere delle cantonate e quando questo succede, non è come fare un errore in una piccola missione in qualche luogo sperduto. Quando commetti overt su un posto a quei livelli nella Chiesa, stai commettendo overt direttamente contro Scientology.

Quando lo fai, se ne hai la consapevolezza e se conosci l’importanza del tuo posto, tali overt hanno effetti negativi di grande portata sul tuo universo. Come minimo l’hanno avuto sul mio. E voi sapete che LRH dice che overt e withhold vi causeranno di sentirvi critici e vi faranno fare cave-in e diventare effetto. LRH non stava solamente parlando di preclear, ma di noi tutti.

La dimostrazione di quanto LRH amasse veramente i suoi simili e i membri dello staff, è il fatto di aver elaborato dei programmi tramite i quali i membri dello staff potessero correggersi, uscire da condizioni di esistenza basse, ripulendosi dagli overt e tornare nuovamente scintillanti. Sia che si tratti di un ciclo di etica, un ciclo di MEST combinato a etica per ripulirsi, o il completo programma di RPF, esistono degli strumenti per farlo.

Alla fine lasciai la Sea Org prima di poter completare il mio programma di RPF, i motivi sarebbero lunghi da spiegare e hanno a che fare con una situazione creatasi esternamente.

Prima di andarmene avevo fatto buona parte del programma di RPF, audendo altri e imparando che potevo rendere migliore una persona con la tech di LRH. Ho avuto l’incredibile opportunità di vedere ringiovanire il viso del mio preclear, man mano che la carica se ne andava dal suo universo. Per questo, quando uscii dalla Sea Org, avevo ancora un’altissima affinità per il mio gruppo e per Scientology.

Le persone che vedo nel file di Rathbun e che arrivavano da questa esperienza, sono persone che si sono rifiutate di porre rimedio ai problemi che avevano creato, molto spesso, persone che erano state rimosse dal loro posto, e questo a loro non era piaciuto o persone che sapevano che stavano per essere rimosse e se l’erano filata di gran carriera prima che succedesse, per non dover stare di fronte alla cosa.

Non si sono prese responsabilità, rimanendo in tal modo intrappolate nel loro natter, nelle loro rotture di ARC, nel loro punto di vista di essere effetto, nei loro supremi motivatori. Voglio dire che mi dispiace molto per loro. L’idea di essere intrappolati in tutto questo, penso sia molto simile alla definizione di inferno.

Si può anche essere molto arrabbiati con i membri del gruppo, pensare e dire molte cose su quanto tutti abbiano torto e quanto quelle persone vi abbiano fatto questo e quello. Si può anche andare su Internet e trovare altre persone che dicono le stesse cose che voi dite e trasformare questa nella vostra “nuova realtà”. Purtroppo non funziona: non farà svanire i vostri overt, non è vero Marty?

Quando qualcuno va in televisione e dice: “Sì, è vero, ho sforato il budget di un progetto di costruzione di centinaia di migliaia di dollari”, non è una cosa di poca importanza. E’ un pesante tradimento della fiducia. Qualcun altro nel gruppo, vi garantisco, è intervenuto per risolvere la faccenda e per far progredire il progetto. Ma questo non rende meno grave il carattere distruttivo delle vostre azioni.

Quando o Marty Rathbun o uno dei suoi tirapiedi dice di essersi sbarazzato di persone innocenti e di buona volontà e di aver creato una cultura del terrore sulle linee al vertice della Chiesa, quando dice di essere fuggito dopo aver forzato la cassaforte e aver rubato alla Chiesa di Scientology, non è cosa da poco. La quantità di fiducia che era stata riposta in Marty Rathbun era ENORME. Ricopriva un ruolo di molto potere, ha accettato un alto livello di fiducia e ha sabotato il gruppo, per sua stessa ammissione. Ora lui punta il suo dito accusatore da un’altra parte.

La via d’uscita per questi individui è la stessa via che tutti noi abbiamo: assumersi responsabilità, rimediare ai torti fatti al gruppo, danneggiato dalle loro azioni. La dura realtà è che, fino a che non lo faranno, questi individui si sveglieranno ogni mattina con il peso dei grossi overt commessi nei confronti di Scientology. E la cosa peggiore è che ora ne stanno commettendo sempre più. Sarà sempre più difficile assumersi responsabilità dei loro overt, ora che stanno macellando i casi delle persone con auditing non standard e attaccando pubblicamente la linea della verità.

E’ come suicidarsi gettandosi in un canale di scolo.

Potrei dire che mi dispiace per loro che si devono svegliare ogni mattina con questo peso, ma non è la verità, perché la via d’uscita da tutto questo è sempre stata lì, a loro disposizione, come lo è per ogni membro dello staff.

Semplicemente non hanno avuto il fegato di intraprenderla.

Cosa sorprendente, la via d’uscita è ancora lì, anche per loro. Penserete che queste persone, le persone che avevano avuto la fiducia di gestire la sua tecnologia ai massimi livelli e che l’hanno tradito attaccando le sue linee, sarebbero le ultime sulla Terra che LRH aiuterebbe. Non è così, LRH ha fornito anche a loro dei gradini che possono intraprendere, se decidono di uscire dall’inferno nel quale vivono.

Loro sanno che esiste una via d’uscita: la guardano ma non la stanno percorrendo.

* RPF (Rehabilitation Project Force) – L’RPF è stato creato dal Commodoro (LRH) affinché la redenzione possa avere luogo. Questo di base è il suo solo scopo.

Questa voce è stata pubblicata in Testimonianze. Contrassegna il permalink.

4 risposte a La Caduta degli “Angeli”

  1. IDDN ha detto:

    Indubbiamente l’RPF è un programma dove devi confrontare te stesso e i tuoi O/W, dopo esserne uscito niente sembra più scalfirti e nonostante le CIs anche di chi te lo fa fare alla fine niente e nessuno può cambiare un F/N che spazza tranquillo su tutto il quadrante anche cambiando al massimo la sensibilità…
    Quello che poi desideri è soltanto di fare o di “poter fare” quello che … quello a cui hai dato accordo nel leggere le parole di LRH, rosse o verdi che siano!!!
    Quanta realtà può essere condivisa in un gruppo? Forse anche quella dell’RPF e poi …
    l’ARC cambierà nella direzione del maggior bene per il maggior numero di dinamiche.
    Arrivare alla disaffezione durante o dopo un programma del genere è … un errore che si commette in 2.
    Di Chi lo fa e di CHI ne aveva la responsabilità!!!
    … altri commenti sarebbero delle “razionalizzazioni” !!!!
    Saluti

  2. anvedio ha detto:

    Un paio di precisazioni: dire che andare disaffected è un errore mi sembra riduttivo. Andare disaffecdted è il risultato e la conseguenza di overt e withhold.
    Sicuramente è una cosa di cui si è responsabili in due, ma chi ha la colpa di andare disaffected è colui che va disaffected, mentre chi poteva prevenirlo e cavargli i withhold è responsabile, appunto, di non averlo prevenuto e non avergli cavato i withhold.
    Anzi, spingendomi più in la, arriverei a dire che l’andare disaffected potrebbe essere conseguenza di vari episodi, accaduti magari in diversi momenti e in diverse org, con la stessa persona che va disaffected e più persone che non la aiutano/fermano in tempo, magari avendo avuto diverse occasioni e diversi indicatori.
    Rimane il fatto che sono due responsabilità di carattere diverso: l’assassino è responsabile di aver ammazzato qualcuno, il poliziotto di non averlo fermato in tempo, ma difficilmente si può accusare di omicidio o di complicità il poliziotto. Se è stato particolarmente negligente, potrà essere disciplinato e magari espulso dalla polizia, non certo metterlo in galera con chi ha commesso l’omicidio vero e proprio.
    E’ un esempio limite, un’iperbole, ma il meccanismo è lo stesso.

    • Gerolamo Santo ha detto:

      Giusto.
      Cerecare di scaricare la responsabilità su altri è proprio da PTS e out ethics. Se uno fa blow o va disaffected, non può smunuire i suoi overt sostenendo che “anche l’org è responsabile” perchè non gli ha impedito di fare blow o fallire. Ron è molto chiaro al riguardo: lui ci ha dato la strada, sta a noi percorrerla. Chi lavora nelle org deve già portare un croce non indifferente. Se un public o uno staff falliscono nonpossonop appesantire ancora di più il fardello che devono portare quelli che remano contro. L’aiuto va bene, ma c’è un limite alle zavorre.

  3. black swan ha detto:

    Grazie per questa storia, mi ha fornito dati in più per completare il quadro su cosa è successo.

    E proprio vero che i pilastri del Bridge sono l’Etica, senza Etica in la tech non va in …

    Chi cerca delle scorciatoie per scantonarla prima o poi finisce in un burrone

I commenti sono chiusi.