Rich Nisbet – Senza Incertezze, per Sempre

CONTRO-ESODO ESTIVO – PARTE TERZA

Quella di Richard Nisbet non è una vicenda italiana, ma abbiamo voluto inserirla in questa serie, posticipandone una nostrana, perché si tratta di una storia particolare e sofferta. Rich e Barb sono veterani dell’area di Chicago. L’esperienza del contatto con gli squirrel di Rich e della moglie Barb (Barbara) ha lasciato segni indelebili. Infine Rich ha affrontato Rathbun faccia a faccia contestandogli le sue bugie.

Etica e Verità 

“Quelli che hanno “lasciato la chiesa”, e che ora stanno scrivendo e criticando, si sono arresi e sono diventati soppressivi. Tutto qui. Giustifichi la tua vita in base alle cose che non hai risolto e la spirale discendente ha inizio. Più ti sforzi di trovare cose sbagliate, più continuerai a trovarne fino a che, alla fine, ti trovi a commettere Atti Soppressivi.”

Rich Nisbet, Classe VIII – su OT VII

Verso l’estate del 2010 io e mia moglie Barb iniziammo a leggere siti Internet contro la Chiesa, in particolare il blog di Marty Rathbun, quando una sera lei iniziò ad accusare una fortissima pressione alla testa e difficoltà respiratorie.

La dovettero ricoverare d’urgenza all’Ospedale “Buon Samaritano”. Le analisi mediche alle quali fu sottoposta, rivelarono che era affetta da leucemia.

Dopo una lotta durata 2 mesi, fu chiaro che il suo corpo non sarebbe riuscito a vincere la malattia. Il pomeriggio del 10 settembre mi prese la mano, mi guardò negli occhi e mi disse: “Devi rappacificarti con la nostra Chiesa e ripristinare completamente l’ARC …”.

Barb morì il giorno seguente.

E’ facile trovare cose negative ovunque e in chiunque.  Molto più difficile è aiutare a migliorare condizioni e fare in modo che qualcosa continui a progredire nel giusto modo.

LRH ti dice che se non capisci qualcosa, o se senti che qualcosa è off-policy, devi usare le linee standard nella chiesa fino a che arrivi a comprendere o a risolvere la cosa.

Ci possono essere molte cose che accadono e che sono al di fuori della tua sfera d’influenza, cose che ti possono sembrare contrarie ai tuoi standard, ma il fatto di ingaggiare inutili criticismi con terminali che sono off-line e off-hat, altro non fa che produrre un calo di havingness, escluderti dal gruppo, installarti un withhold e, alla fine, di solito non è altro che la semplice giustificazione per un qualche fallimento avvenuto nella tua area.

Se siete stati complici in qualcosa che era off-policy o se avete causato quell’off-policy voi stessi, come potete biasimare ora qualcun altro per ciò?

Quando si fa rapporto in modo standard, le cose VENGONO risolte e sistemate, in modo standard.

Sono in giro da parecchio tempo e mi sono successe molte cose, ma quando ho persistito nel farne rapporto, continuando ad agire sulla linea corretta e con i terminali corretti, ogni cosa è stata sistemata a mia piena soddisfazione o, come minimo, fino a che ho avuto comprensione di cosa fosse successo.

Quelli che hanno “lasciato la chiesa”, e che ora stanno scrivendo e criticando, si sono arresi e sono diventati soppressivi. Tutto qui.

Giustifichi la tua vita in base alle cose che non hai risolto e la spirale discendente ha inizio.

Più ti sforzi di trovare cose sbagliate, più continuerai a trovarne fino a che, alla fine, ti trovi a commettere Atti Soppressivi.

Cosa ci hai guadagnato? Niente. E, infatti, più ti fai coinvolgere e più partecipi a queste attività contro il nostro gruppo, più disfattista e apatico diventi.

E per quelli che sono in dubbio, l’HCO PL 14 gennaio 1969 “Spettatorismo” mostra chiaramente il meccanismo che s’innesca e LRH lo definisce molto bene commentando la differenza tra spettatori e partecipanti.

E’ anche molto facile citare LRH fuori contesto per facilitare i propri piani.

Invece che concentrarmi su quello che potrei fare per contribuire a rendere migliori le cose, mi è stato più “facile” leggere e discutere riguardo a quanto “tutti gli altri avessero torto”.  Mi provocava delle “buone sensazioni”, “grosse rivelazioni”, e “m’indicava veramente” …ma niente si è mosso o è cambiato, per niente!

E nel frattempo, la mia area e quelli che contavano su di me, hanno sofferto.

Ho smesso di fare queste cose.

Sto svolgendo le mie funzioni (auditor) al meglio delle mie capacità. Coopererò con le org e ho disconnesso da chiunque sia connesso agli squirrel.

Userò le linee standard se devo aver risposte a domande e dipanare preoccupazioni.

Lavorerò con gli staff che sono sul posto, e non contro di loro, come succede quando ci sono “Condizioni di Gioco”.

Eviterò quelli che dedicano il loro tempo a pettegolezzi o a degradare le condizioni o i terminali nella nostra chiesa.

Spingerò altri a occupare un posto che mandi avanti le intenzioni di LRH e facendo sì che la smettano di lamentarsi e a trovare pecche in altri.

Eviterò chi vuole sprecare tempo nel criticare o degradare le condizioni di quei terminali verso i quali hanno commesso degli overt.

Nell’HCOPL 14 settembre 1965, “Salvaguardare la Tecnologia”, LRH diceva:

“L’Uomo è prigioniero di un labirinto immenso e intricato. Per uscirne, deve seguire il cammino accuratamente tracciato di Scientology” …

“La gente ha confuso il concetto di seguire la via con ‘il diritto di avere le proprie idee’. Naturalmente, chiunque ha diritto alle proprie opinioni, alle proprie idee e alle proprie realizzazioni, purché non sbarrino l’uscita a se stessi e agli altri”. – LRH

Non presterò più alcun aiuto né avrò nulla a che fare con chi sta cercando di distruggere quella strada e sta quindi sbarrando la via d’uscita a sé stesso e agli altri.

Partecipare ad attività soppressive, spargendo maldicenze o punti di vista degradati, aderire a gruppi soppressivi e a persone che usano generalizzazioni e bugie, mentre allo stesso tempo fanno il doppio gioco come infiltrati, non avvantaggia nessuno.

Non sarò mai più parte di quel gruppo.

Sarebbe alquanto malsano cercare di vivere la propria vita “con un piede dentro e uno fuori”, specialmente quando si parla di qualcosa di così importante come LRH e Scientology. Quel tipo di “forse” ti manderà “fuori” come essere spirituale.

E per quanto riguarda gli squirrel, Marty Rathbun ha recentemente scritto un pezzo violento contro di me su Internet.

NOI NON CI SIAMO MAI INCONTRATI.

Ha basato ciò che lui definisce “uno studio” su informazioni frammentarie che ha ottenuto da una “fonte” delirante e paranoica. Il suo articolo utilizza frasi tipo “out-ethics”, “1.1.”, “ratto” per fare in modo che chi legge non valuti da sé, e dipingendo una scena di sua pura invenzione. Date sbagliate, avvenimenti sbagliati, affermazioni non consequenziali e fatti sbagliati. Un resoconto molto alterato e viziato che avrebbe potuto usare per menare qualche colpo alla chiesa e a chi la dirige.

Nel suo articolo, ha anche applaudito la violenza fisica, mentre in precedenza, sulla TV nazionale, Rathbun aveva dichiarato quanto fossero cattivi altri giacché erano violenti.

E, infine, Rathbun, dice che io avrei violato il “Codice d’Onore”, quando lui stesso, dopo aver lavorato a spalla a spalla con i suoi più stretti amici per anni, ora va dai media e aggredisce proprio quegli amici e l’intero gruppo, di cui aveva fatto finta di essere parte.

Ho quindi confrontato Rathbun di persona a Los Angeles e gli ho chiesto come ha potuto dire cosa simile? Gli ho chiesto come poteva scrivere parole così diffamatorie, basate su false informazioni e che riguardavano qualcuno che non aveva mai incontrato.

Non mi ha saputo rispondere.

Il suo spazio era nervoso e agitato.

Rich Nisbet
Classe VIII – su OT VII

Questa voce è stata pubblicata in La voce degli ex-squirrel, Mark “Marty” Rathbun, Testimonianze. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Rich Nisbet – Senza Incertezze, per Sempre

  1. Luigi ha detto:

    Dichiarazione molto bella , pur con la comprensibile tristezza per la dipartita della moglie.
    Accurata, chiara, armoniosa e logica. Tutti questi natterosi che altro non fanno che bla bla dovrebbero rileggersela 10 volte.
    E, come sempre, ulteriore testimonianza diretta di quanto sia SP ed alterato Ratto-Burn. Vero psicotico che falsifica e diffama con la sua corte di polli decerebrati che gli credono.
    (“Quelli che hanno “lasciato la chiesa”, e che ora stanno scrivendo e criticando, si sono arresi e sono diventati soppressivi. Tutto qui.”). Direi che ha espresso in due righe magistralmente la verità.

    • anvedio ha detto:

      Quell’osceno SP, dopo quel che ha fatto, si è permesso di commentare riguardo la morte di Barbara e di criticare Richard perchè ha risalito le condizioni di etica con l’MAA di Flag, facendo anche azioni per rimediare ai danni commessi.
      Non ci sono dubbi di sorta, Rathbun E’ un SP e quelli che lo seguono, italiani inclusi, SONO SP con tutte le caratteristiche del caso.

  2. Monaco ha detto:

    Non so cosa darei darei per sbattergli in faccia la verità sulle cose che vedo ogni giorno a Milano Org. I risultati che osservo, la commmozione e il theta della gente che attesta Clear ogni paio di giorni. Quelli che attestano i gradi e i passi del Bridge ogni giorno. Lo staff che fa gli OT level IN VIA LEPONTINA A MILANO! In percentuale ora ci sono più staff OT che public OT. Una cosa che abbiamo sognato per decenni!
    Ci è costato anni di lavoro, di fatiche, di ostacoli immensi ora superati!
    Questi maledetti si permettono di infangare tutto questo. Tutto il lavoro che abbiamo fatto per anni e anni. Non hanno nessun diritto di far niente di tutto questo, perchè NON LO HANNO FATTO LORO! NON LI PERDONERO’ MAI!
    Questa gente era inutile quando era sulle linee e ora sono dei parassiti dannosi. Gente come i Lugli, Minelli, Marzotto e compagnia, bisognava buttarla fuori anni fa quando facevano i lazzaroni vanagloriosi, mentre in realtà non hanno mai avuto alcun merito in Scientology, nemmeno nel periodo pionieristico, quando erano degli emeriti nessuno.
    Il loro futuro è nero ed è quello che meritano.

  3. Domenico ha detto:

    Da brividi questa testimonianza e raccapricciante quanto ha fatto quell’SP di Rathbun dimostrando ancora una volta che è proprio un SP.
    Ma i DB che lo seguono, accecati dai loro overts e withhold, non possono capire.

  4. THER ha detto:

    Bravo Rich e ben tornato!

    La tua sì che è integrità! A me sembra che invece gli “indipendenti” seguano un’idea fissa di “integrità”.

    Nell’HCO PL del 19 maggio 1970 SANITA’ MENTALE, LRH scrive:
    “Un’idea fissa non è sottoposta a indagine. Blocca l’esistenza di una qualunque osservazione contraria.

    La maggior parte dei reazionari (coloro che si oppongono ad ogni tipo di progresso o di azione) sono affetti da idee fisse che hanno ricevuto dall'”autorità in materia”, idee che non vengono alterate da nessun tipo di esperienza”.

    Poco importa se non hanno alcuna possibilità di verificare personalmente quello che viene loro propinato. Poco importa se viene presentato un successo eclatante. Troveranno qualcosa di immaginario per dire che quel successo eclatante non è nulla rispetto a….

    A tal proposito, mi sembra indicativo il seguente passo di Rich:
    “E per quanto riguarda gli squirrel, Marty Rathbun ha recentemente scritto un pezzo violento contro di me su Internet.
    NOI NON CI SIAMO MAI INCONTRATI.
    Ha basato ciò che lui definisce “uno studio” su informazioni frammentarie che ha ottenuto da una “fonte” delirante e paranoica. Il suo articolo utilizza frasi tipo “out-ethics”, “1.1.”, “ratto” per fare in modo che chi legge non valuti da sé, e dipingendo una scena di sua pura invenzione. Date sbagliate, avvenimenti sbagliati, affermazioni non consequenziali e fatti sbagliati. Un resoconto molto alterato e viziato che avrebbe potuto usare per menare qualche colpo alla chiesa e a chi la dirige.
    Nel suo articolo, ha anche applaudito la violenza fisica, mentre in precedenza, sulla TV nazionale, Rathbun aveva dichiarato quanto fossero cattivi altri giacché erano violenti.”

    Gli indipendenti sembrano un circolo da salotto che si danno ragione l’un l’altro, offendendo chi sta cercando di far andare le cose per il verso giusto, nel bene e nel male, a favore della libertà per tutti. E si sostengono l’un l’altro non appena ricevono l’ultimo pettegolezzo dal loro “guru”.

    Già me li vedo in attesa di collegarsi al sito per vedere cosa c’è di nuovo su cui sputare “veleno” e dare sfogo a quella sensazione di rodimento interiore che nemmeno loro sanno da dove viene; per “sentirsi meglio”, ma per stare peggio subito dopo e quindi aver bisogno di ricollegarsi per sputare ancora altro veleno, causato dagli overt che commettono ogni giorno con il loro criticismo. E’ un fatto tecnico, e sembra proprio l’effetto di una “droga”: si sfogano per “stare meglio”, per poi scoprire che stanno peggio, e via con la spirale discendente.

    E’ come qualcuno che è rimasto sepolto da una slavina e comincia a scavare convinto di andare verso la libertà, ma invece va verso la nuda terra.

  5. Domenico ha detto:

    Sono d’accordo con Monaco: gente come i Lugli e il loro degno seguito di PTS/DB era meglio perderli prima.
    Il danno che fanno ora alla Chiesa è la continuazione di quello che fecero quando erano in “buoni rapporti”.

  6. Elena ha detto:

    Bentornato Rich!!!
    Le loro fila si stanno assottigliando alla fine rimarranno solo quelli davvero SP e si faranno fuori fra di loro, non vedo l’oram

    Ciao da Elena

I commenti sono chiusi.