Ciechi che guidano ciechi

Ciechi che guidano ciechi

 “Esiste una sottile linea di demarcazione tra etica e tecnologia. Il punto in cui un thetan esce di senno è molto preciso. È il punto in cui incomincia a fermare qualcosa in modo ossessivo. Da qui lo sforzo diviene generalizzato ed egli comincia a fermare un mucchio di altre cose. Quando questo include chiunque o alcunché gli sia di aiuto, come pure le persone e le cose che sono di aiuto, l’essere è soppressivo. Le sue intenzioni contrastano tutte le altre intenzioni, in modo particolare le buone intenzioni.”

L. Ron Hubbard (HCO PL 18 Giugno 68 “ETICA”) 

Facciamo una pausa breve con gli articoli della serie “I nomi dei Nemici di Ron”, giusto per non diventare monotematici e per dar tempo ai nostri traduttori di preparare un po’ di materiale. Ma non preoccupatevi, riprenderemo domani e nei giorni a seguire, dato che abbiamo montagne di materiale disponibile.

Rimaniamo comunque parzialmente sul filone per vedere com’è possibile che le bugie che circolano su Ron e su Sceintology, possano venir accettate e addirittura rinforzate dagli squirrel della banda Rathbun. Qual è lo stato mentale, il meccanismo perverso che fa sì che, persone che hanno avuto la tech di Ron a portata di mano senza alcun ostacolo, si siano dedicati a questi giochi distruttivi.

Nella Conferenza n. 41 del Terzo ACC Americano, tenuta il 25 gennaio 1954, LRH dice:

 “Si potrebbe dire che l’intera traccia di un thetan è una serie consecutiva di apatie riguardo alle cose che egli sa.”

Le persone che progrediscono sul Ponte stanno risolvendo l’apatia relativa alle cose che conoscono. Stanno affrontando eoni in modo coraggioso e svariati cicli di apatia in modo da poter raggiungere la vera conoscenza.

Non è così per Marty Rathbun e Mike Rinder. Questi due tipi hanno un atteggiamento codardo nei confronti della verità e sono consapevoli che stanno lavorando per fare in modo che la loro apatia diventi sempre più profonda, vivendo una vita all’insegna di bugie e trucchi. L’apatia riguardo al conoscere è la cosa che vogliono per sé ed altri.

Hanno avuto un crollo, da qualche parte sulla traccia, così pesante che la sola idea di essere degli esseri spiritual li fa tremare dalla paura. Quindi si sono arresi alle non verità e ora sono essi stessi dei simboli della menzogna: degli Squirrel!

Ecco come si potrebbe definire in altro modo uno squirrel: un simbolo di falsità e il rifiuto psicotico di conoscere. L’SP guarda le sue mani mentre rubano qualcosa o ascolta la sua bocca sparare bugie ed è totalmente disconnesso da quelle azioni.

Rifiuta di conoscere.  Quello che fa non è reale neanche a se stesso.

Per poter fare ciò che fanno, Rathbun e Rinder devono mentire anche a se stessi. Devono essere totalmente dissociati dalla realtà e dal sapere.

La loro disconnessione dalla realtà, la disconnessione che permette loro di distruggere ciò che rappresenta la salvezza per ogni essere umano, è dimostrata dalla loro incompetenza.

Hanno cercato di fare a pezzi ogni cosa su cui hanno messo mano in modo premeditato, fallendo miseramente ogni volta.

Il motivo del fallimento è chiaro: non possono essere competenti, perché l’incompetenza e l’incapacità di portare a termine dei cicli di azioni fa parte delle caratteristiche della personalità antisociale. Non possono sapere, perché sono troppo apatici per conoscere.

Hanno deciso, in modo attivo e deliberato, di non conoscere. Circondati da vera tecnologia, vera conoscenza, Mike Rinder e Marty Rathbun hanno impedito a sé stessi di potervi attingere.

Abbiamo visto oppositori di Scientology cercare di duplicare la tecnologia nel tentativo di diventare più abili nel fermarci. Questi individui ostili non sono mai stati degli Scientologist. Hanno miseramente fallito nel comprendere Scientology. Comunque, a paragone di Rathbun e Rinder, questi antagonisti hanno saputo fare meglio di loro, che hanno avuto a disposizione tutta la tech che volevano.

A causa dei posti che hanno ricoperto in passato, una cosa che Marty Rathbun e Mike Rinder dovrebbe sapere come cosa certa è che nessun elemento ostile, ad oggi, l’ha mai spuntata alla lunga contro Scientology. Ma sembra che nella loro apatia e non-conoscere, Rathbun e Rinder, l’abbiano dimenticato.

C’è una cosa però di cui siamo sicuri riguardo a Rathbun e Rinder: sanno che la tech funziona e che, quando le attività della Chiesa hanno iniziato ad espandersi e più alti standard di conoscenza della tech erano richiesti al fine di causare un’ulteriore espansione, loro non avrebbero superato la prova, quindi hanno preferito scappare con la coda tra le gambe, invece che accettare l’aiuto che veniva loro offerto per risalire le loro basse condizioni.

Troppi overt contro al gruppo e troppi overt contro la tech li ha costretti ad allontanarsi ma, essendo personalità antisociali, dovevano cercare di distruggere la possibilità che altri acquisissero conoscenza: ecco fino a che punto è arrivata la loro psicosi.

Si sono sbarrati la strada alla conoscenza. Questo li rende così stupidi da far loro credere di andare a gonfie vele: beh, se incasinare qualche caso si più definire un successo, allora, la luna è veramente fatta di groviera.

La morale della storia è: Mike Rinder e Marty Rathbun non stanno facendo male a nessun’altro che a sè stessi e a poche persone che, allo stesso modo, vogliono distruggere la loro abilità di sapere come conoscere, permettendo che questi due individui facciano squirrel sulla loro pelle.

L’apatia di Rathbun e Rinder e di quelli a loro connessi è così estrema che l’estinzione personale sembra essere il loro vero obiettivo.

Non è patetico?

Etica e Verità

Questa voce è stata pubblicata in Mark “Marty” Rathbun, Mike Rinder, Squirrel: Le Loro Statistiche. Contrassegna il permalink.

25 risposte a Ciechi che guidano ciechi

  1. antonella ha detto:

    E’ DA MOLTO TEMPO CHE PENSO CHE QUESTE PERSONE SONO DEI POVERETTI,COSI’ COME CHI LI SEGUE.
    TANNO DICENDO, COSI’ COME LO DICONO I LUGLI ECC ECC, CHE LORO NON POSSONO IN ALCUN CASO AVERE IL PONTE….
    CIO’ DISPIACE!!!!!
    MA SONO INCAZZATA NERA PERCHE’ ANDARE ALLA TV,MEDIA E DIRE CERTE COSE CHE ALLONTANANO LE PERSONE DAL PONTE E’ SOPPRESSIVO AL 1000 PER MILLE…
    QUINDI SONO SP E COME TALI SONO DEI POVERETTI SENZA SPERANZA ALCUNA
    NE’ PER LORO,NE’ PER I LORO SEGUACI,NE’ DI VINCERE QUALCOSA CONTRO SCIENTOLOGY…..
    CHI DI NOI SEGUIREBBE RATHBUN SE RIUSCISSE A PRENDERE LA CHIESA?
    NESSUNO.
    GLI SCIENTOLOGIST IN 10 MINUTI LO TIREREBBERO VIA DA LI’…
    MA DOVE VANNO QUESTI? CHE GIOCHI ASSURDI E PERDENTI..
    SAREBBE MEGLIO CHE GIOCASSERO AL SUPERENALOTTO MAGARI DIVENTANO RICCHI E VIVONO DI RENDITA ALTRO CHE ATTACCARE LA CHIESA…..
    CHE DEV T STO GENTE

    • Sergio-08 ha detto:

      Cara Antonellabella, dovresti portare la tastiera ad aggiustare, mi sembra che ti si blocchi continiuamente il tasto delle maiuscole, 😀

      Il punto di vista che costoro siano peggio dei nemici dichiarati di Scientology è importante da afferrare. Come scrive l’autore, coloro che attaccano Scientology senza averla mai studiata, provata e capita sono, in una certa misura, meno peggio di Rathbun e dei suoi seguaci.

      Perfino gente come la Po è meno peggio di quersti squirrel. In fondo lei ha fatto solo poche cose in Scentology un qiuarto di secolo fa e ne ha capito anche meno. Sebbene in seguito abbia letto di tutto, lo ha fatto impedita dalla prima barriera allo studio. Facendo il life repair ha percepito che c’era qualcosa di buono, ma poi è entrata nella sua valenza ipercritica e da lì è andata in caduta libera. Ovvio che non la giustifico per nulla.

      Ma credo che questi squirrel siamo addireittura peggio e più affini a tipi come la Maria Pia Gardini. Gente che ha PRATICATO scientology per anni, ma ha deciso di sputarci sopra per non affrontare la responsabilità per le proprie trasgressioni. Loro sanno che Scientology funziona, eccome. Per questo è ancora più grave quel che fanno.

      Sergio

      • antonella ha detto:

        No non mi si e’ rotta la tastiera….
        Scrivo come mi viene…
        CHE MARTY E’ PAZZO ED SP LO URLO A TUTTI QUELLI CHE POSSO TUTTI I GG
        CIAO SERGIO 0 8

  2. Tonhl ha detto:

    …Eccome se è patetico!
    E la cosa peggiore, anzi peggiorissima, è che i pecorology italiani, che da brave pecore quali sono, seguano il loro “pecoraio” ovunque li porti!
    Ogni tanto qualche pecora casca da un burrone e muore
    Ogni tanto qualche pecora viene usata per altri scopi (vedi i vari out2d et simila)
    E ogni tanto qualche pecora fà il lupo.
    Ma alla fine pecore sono, e pecore rimaranno. Hanno scelto di vivere “a pecora” (occhio che frizza poi….) e ne pagano le conseguenze.
    I soldati italiani che combbattevano sul Piave avevano un detto “E’ Meglio vivere un giorno da Leone, che cento anni da pecora”.
    Beh, noi con la tech possiamo vivere un’Eternità da Leoni….ed è quello che Faremo!
    Bello no? 🙂

    • Emiliano (o' pazz) ha detto:

      E Troisi rispose: “un se potrebbe fà cinquant’anni da orsacchiotto”

      😀 😀 😀

      • Tohnl ha detto:

        “….Saverio…Salutami tanto Mario…e digli che gli ho voluto più bene che a t…..Uguale! Uguale….”
        Vediamo se te la ricordi!
        🙂

      • Emiliano (o' pazz) ha detto:

        NON CI RESTA CHE PIANGERE!
        Benigni e Troisi. Strepitosi. 😀

        Ricordati che devi morire!!
        Si, si… mo’ me lo segno proprio!

        Yesterday bum bum na na na na na na faraway bum bum …

        😀 😀 😀

      • Tohnl ha detto:

        Bravo! ehehehe
        Mamma! Bisogna Reagire! e se finirò, finirò com’ìbbàbbo!
        EEEHHHH!!! QUIIII??!!?
        EH! COM’ìBBABBO!!!! 🙂
        Fenomenale!

  3. Auditor ha detto:

    Quando avevo 12 anni ho letto un libro che parlava di un santone sessantottino figlio dei fiori, che mi aveva talmente impressionato da farmi decidere che mai e poi mai sarei entrata a far parte di un qualche tipo di gruppo organizzato. Il bello è che l’ho riletto un anno fa, tanto per capire cosa ci avevo trovato di così illuminante e c’era menzionato anche Ron, ma io a 12 anni non l’avevo duplicato (ah ah ah proprio irrecuperabile).Quindi è chiaro che, pur non volendo aver ragione a tutti i costi, se con Scientology mi sono attivata così tanto ottenendo veramente tanti prodotti, non l’ho fatto a cuor leggero, perchè ero predisposta a farmi irretire da qualche oscura “setta”, anzi!!!
    L’ho fatto perchè Scientology, dopo approfonditi studi e confronti fatti con altre discipline, a conoscerla e saperla applicare, non la può superare niente altro. Proprio a livello pratico, senza fare i mistici. Ron Hubbard è arrivato “infinitamente più in là”, non c’è confronto che tenga.
    Ho una domanda che mi faccio da tanti anni a cui fatico dare una risposta: ma cosa spinge una persona, ad esempio la signora Po, ad accanirsi per anni anni anni contro un gruppo? cioè voglio dire, ammesso che uno stia pensando di combattere per una giusta causa, fatto il proprio dovere facendo conoscere i fatti, poi uno dovrebbe occuparsi di cose costruttive. Che senso ha portare avanti la propria vita, facendosi fomentare da sentimenti negativi, su cui la maggior parte della propria attenzione è fissata? A me sembra una schiavitù mica da ridere.
    Per questo non riesco ad essere fomentata nei confronti di queste persone, perchè sono proprio degli schiavi del proprio caso.
    Bella vita di m….a trovarsi nel letto di morte, pieni di odio e astio nei confronti di un gruppo che ci ha assorbito un sacco di energie, solo perchè non si è riusciti a mettere a cuccia i propri scopi malvagi. Bella vita di m….a proprio!!!

    • Ilario ha detto:

      Cara sorella e amica,
      secondo me sono tre i fattori coinvolti nell’ossessione simonmettiana:
      1) la paura che gli altri migliorino e diventino più “pericolosi” (secondo il suo metro) di quanto non siano già,
      2) la necessità di “aver ragione” per non cadere ancora più in basso e
      3) reputazione e notorietà che altrimenti non avrebbe mai avuto se fosse rimasta la “casalinga di Carpi” che era fino al 1997.

      Mi mandereresti copia dell’articolo che citi?

      Ilario

      • Auditor ha detto:

        Ma ciao Fratello!!!non è un articolo, è un romanzo che parlava di un santone hippy, molto avvincente, in mezzo c’era citato pure questo nuovo movimento di Ron Hubbard, in un dialogo tra due persone. Quando vieni a cena te lo presto 🙂

      • Ilario ha detto:

        Allettante, tienimelo da parte. 🙂
        Intanto mi protesti dire il titolo e l’autore?

        Ilario

      • Tohnl ha detto:

        4) fenomeno da “MANCANZA DI MASSA”…..e ci vorebbe Chewbacca (quello peloso di Guerre stellari) per tromballa secondo me, e forse manco lui ce la fà!!!

        🙂

  4. Auditor ha detto:

    Complimenti a chi ha scritto questo articolo, ma sei stato tu Davide???Perchè è spiegato proprio bene lo stato di caso in cui si trovano questi personaggi!

    • Etica e Verità ha detto:

      Co-produzione a due teste con contributo statunitente.
      Teste pensanti. 🙂

      Davide

      • Auditor ha detto:

        Beh, non ho mai pensato che tu non fossi una testa pensante, guarda che sono una tua fan sul serio, mica per scherzo!

      • Etica e Verità ha detto:

        Lo so che mi stimi e sei ricambiata ma, onestamente, molti concetti in quel che scrivo vengono direttamente dagli scritti di Ron. Ormai ho una biblioteca che farebbe invidia alla Qual Library di un AO. 🙂

        Davide

  5. Tommaso R. ha detto:

    Noooooooo…. stavo aspettando il quartoi articolo del documentario de “I Nomi dei Nemici di Ron”..
    Oggi al lavoro mi chiedevo cos’avrei trovato da leggere e invece niente. Beh non sospendete troppo che ci tengo troppo a leggere le prossime puntate. 🙂
    Comunque bell’articolo anche quest di oggi. Io mi augurerei che anche loro si ravvedano, ma i dati di fatto dimostrano che non ce l’hanno fatta a risalire la china nemmeno quando era molto più facile, molto nolto molto difficile che abbiano una speranza ora.

    Tommy

  6. anvedio ha detto:

    Contessa Kraak, mia spiace ma non pubblico nessun tuo commento finchè non chiarisci la tua ambigua posizione.

  7. Tonhl ha detto:

    Non c’entra nulla, ma nel mio errare sul Blog ho scoperto un paio di funzioni molto comode che sono “Avvisami via email della presenza di nuovi commenti a questo articolo” e “notificatemi di nuovi post via email” che consiglio vivissimamente di attivare a tutti…..almeno le news mi arrivano dirette via mail, mi collego al sito, e non mi perdo manco un aggiornameto 🙂

    Cmq i pecorologi quando parlano dei guadagni di caso, aiuto che danno ecc. ecc. mi fanno venire in mente una frase che lessi nei bagni della stazione di Livorno

    “Nella Mia vita ho visto più comete che fiche”

    Pecorologis…….occhio che poi si diventa ciechi….. 🙂

    • MSV ha detto:

      Grazie per la segnalazione Tonhl. Sono le due caselle a fondo pagina, non ci avevo fatto caso.Ora le ho attivate entrambe. 🙂

      Michele

      • Il Paolo ha detto:

        Io le avevo già attivate e da tre mesi mi arrivato le notifiche di Etica e Verità sull’Iphone. Comodissimo. 😀

        Bell’articolo ragazzi. Da l’idea del baratro dove son caduti. Comunque la cosa più evidente è che costoro avevano problemi di studio. Non riuscivano a diventare competenti abbastanza da contribuire veramente al gruppo. Creatori di “prodotti overt” e sdcientologist falliti.

        Il Paolo

  8. Auditor ha detto:

    Caro Davide sei proprio un Tesoro!!!!sì sì sì!!!!Scusa….ogni tanto prendo fuoco, nel soffitto faccio un buco 🙂

    • Tohnl ha detto:

      AUDITORESSA E’ IL NOSTRO MESSI!!!
      Anzi a volte balotelli per le “testate” che dai! ahahah
      GRANDE SUPERNOVA!!!
      🙂

      • Auditor ha detto:

        Tonhl, lo sai che io ti adoro, ma tu devi farmi incontrare il Tuo Capo, non mi serve scrivergli mail, non ho mica niente da dirgli, io voglio solo toccarlo dal vivo!!!
        Sì sì sì SEI IL NOSTRO FIORENTINO SUPERMEGADOTATO 🙂

I commenti sono chiusi.