Le Bugie degli Squirrel – Parte 1 – I Veri Pionieri

Le Bugie degli Squirrel – Parte 1

I Veri Pionieri

(Grazie a Tonhl per la trascrizione fatta nonostante i mille impegni)

“BUGIA: L’affermazione che una particella, che si è mossa, non si è mossa; l’affermazione che una particella, che non si è mossa, si è mossa. Un’alterazione di tempo, luogo, evento e forma.”

L. Ron Hubbard
(Le Conferenze di Phoenix)

Qualche giorno fa, esattamente il 29 ottobre, Claudio Lugli e la moglie Renata Fruscella, hanno pubblicato sul blog degli squirrel un storia interessante dal titolo “Pionieri”, presentata dall’inossidabile, ma non immarcescibile, Anita Baldi (poveri i nostri padri della patria).

Il contenuto di quel post, unito a precedenti exploit degli squirrel su questo soggetto, ci hanno convinti a dare inizio a questa serie di articoli che si annuncia intrigante.

L’impostazione dell’articolo in oggetto, la stessa immagine d’apertura (un carro conestoga tipico dei pionieri del far west americano), i commenti osannanti dello sparuto gruppo degli starnazzanti ammiratori, lasciano credere al lettore che Claudio e Renata sono i novelli Romolo e Remo, fondatori di Roma, almeno scientologicamente parlando.

L’aggiunta di una lettera di Ron, datata 16 novembre 1977, indirizzata direttamente a Claudio, nella quale si congratulava per la “fantastic news about the opening of Rome” (fantastica notizia riguardo l’apertura di Roma), completa l’opera e, al lettore sprovveduto (e tali certamente sono coloro che si lasciano abbindolare dai rappresentanti della banda Rathbun), tale storica missiva parrebbe confermare che Roma l’avrebbe aperta il “grande” Claudio Lugli.

Il condizionale è d’obbligo siccome, ahimè, non è così.

Noi che non siamo nati ieri e che, come si diceva una volta, sulla fronte non abbiamo scritto “giocondo”, abbiamo verificato questa roboante dichiarazione del pretended Italian stylist e consorte.

Tra l’altro, abbiamo tra le fila dei nostri sostenitori, gente che c’era e che i fatti di quell’epoca li conosce bene. Gente che sa quanto “influente” sia stata questa coppia di presunti “pionieri” per l’apertura dell’Org di Roma e, più in generale, per l’epopea dell’espansione italiana di Dianetics/Scientology. Perciò, abbiamo raccolto qualche dato.

Fortunosamente, la scorsa settimana, uno di noi ha partecipato ad uno dei mitici seminari di Pier Paderni, quindi ha preso la palla al balzo e ha chiesto il parere di Pier su quanto dichiarato da Claudio e Renata.

Eccovi la trascrizione di quella chiacchierata:

                                                                                                           7 Novembre 2011

E&V: In un recente scritto, 29 ottobre, Claudio Lugli e la moglie Renata Fruscella hanno raccontato che verso la fine del ‘77 Ron Loving li avrebbe mandati in mission per aprire Roma. Tu, che all’epoca eri indubbiamente un fuoriclasse dell’espansione italiana, ci puoi raccontare come è andata l’apertura di Roma e che ruolo hanno avuto in questo?

Pier: Se ben ricordo, Claudio a quell’epoca lavorava nell’area tecnica. Renata aveva una piccola difficoltà (ndr.: PTS tipo C) e aveva bisogno di un aiuto, perciò è andata a Roma con Claudio e, per l’occasione, so che avevano organizzato di fare qualcosa. In quel periodo, devo essere onesto, tutti si davano da fare. Qualcuno aveva fatto qualcosa a Brescia, qualcuno a Torino, quindi effettivamente c’era un po’ questo interesse di fare comunque.

Ma al di là di questo, vorrei sottolineare una cosa, senza togliere niente al fatto che magari sono andati lì (a Roma) e avranno anche probabilmente parlato, penso anche positivamente; però, l’effettiva apertura di Roma, non è stat opera loro. Se la vediamo da un punto di vista di quello che in Scientology si chiama stabilizzazione di un’area, è avvenuta con l’addestramento di un gruppo di persone, nella fattispecie ti posso fare dei nomi: c’era Montagna che era diventato poi un C/S per l’aera, c’era Brunetti che si occupava dell’HCO, c’era Pierluigi Bonici che era  una specie di responsabile di produzione, mentre Stefano Bonici, suo fratello, era Supervisore in Classe, Patrizia Pelliccia era nella Divisione 6. Questo corrispondeva allora, e corrisponde tutt’ora, a una policy fondamentale nell’espansione di Scientology che si chiama “Programma dell’Organizzazione Numero 1”, LRH ED 49 Int.

Quindi, questo tipo di attività diventa, effettivamente la formazione di un’org, e questo non è stato fatto da Claudio, senza che io tolga il fatto che lui magari è andato lì, può aver parlato con qualcuno e fatto qualcosa, va benissimo. Però la vera apertura di Roma, a livello di organizzazione e di consegna, al di là di cose che son state fatte un po’ prima di vario tipo, è avvenuta appunto con questo tipo di stabilizzazione, cioè: l’arrivo di un team che ha fatto effettivamente il lavoro.

Anch’ io andavo al mio paese in quel periodo e facevo qualche conferenza ai miei amici. Chiunque l’ha fatto un po’ e in un certa misura,  però questo tipo di lavoro lo chiameremmo da FSM, cioè uno cerca di fare qualcosa lì nell’area. Non per togliere alcun merito, ma l’apertura di Roma, ci tengo a dirlo, è stata fatta per policy col gruppo che ho detto.

E&V: Nello stesso scritto, Lugli ha raccontato come negli anni ‘70 il “Libro 1” (ndr: Dianetics, la Scienza Moderna della Salute Mentale) fosse lo strumento che ha funzionato per l’espansione avvenuta in Italia. Non ci risulta che il Libro 1 fosse disponibile negli anni ‘70, ma che la prima edizione fosse dei primi anni ‘80. Puoi dirci quali erano gli strumenti che venivano effettivamente usati negli anni ‘70?

Pier: Per prima cosa diciamo, riguardo al libro, che è un’inesattezza dire che Dianetica era presente negli anni ‘70, perchè il libro di Dianetica in italiano non c’era a quell’epoca. L’unica edizione che esisteva in giro, era una traduzione alterata, pubblicata negli anni ‘50 da Casini, una casa editrice di psicologia e psichiatria, quindi puoi già capire di cosa stiamo parlando. In questo senso l’Italia vanta il fatto di aver pubblicato la prima edizione tradotta di Dianetica però, purtroppo, la traduzione era incompleta, anzi negativa e noi non la usavamo di certo.

La prima edizione ufficiale di Dianetica pubblicata in Italia, è del febbraio 1980. In quell’occasione venne in Italia proprio la figlia di Ron, Diana Hubbard, a tenere un concerto di presentazione. Ho delle fotografie e anche gli inviti, ve li posso mostrare quando volete. Tra l’altro io avevo suonato con lei sul palco. Vorrei comunque precisare una cosa: quell’edizione dell’80, giusto per essere onesti, era piuttosto malmessa (ndr: fatta da Paolo Facchinetti). La traduzione era stata fatta piuttosto male e era molto approssimativa, tant’è che la vera prima edizione italiana veramente leggibile e utilizzabile di Dianetica risale all’84, con la versione pubblicata dall’editore Mondadori. Riassumendo, nel 1984 l’editore Mondadori ha pubblicato per tutta l’Italia la prima vera edizione ufficiale, con la traduzione rivista e corretta. Perciò il dato scritto da Lugli è scorretto.

E&V: Negli anni 70, quindi, non c’era a disposizione il Libro 1?

Pier: No, il libro di Dianetics non c’era. Negli anni ‘70 è stata, se volete, una fortuna, una coincidenza buona, il fatto che è stato scoperto e messo in uso quello che si chiamava “Corso di Anatomia della Mente Umana”. Il corso copriva in una misura abbastanza buona i dati di base di Ron sulla mente. Purtroppo non a livello tecnico, perché i primi seminari di Libro 1 sono stati fatti nel 1981 e sono state delle imprese non da poco, perché non avevamo ancora familiarità con le applicazioni della tecnica del Libro 1. Cioè, c’era un po’ di lavoro da fare, però sicuramente il “Corso di Anatomia della Mente Umana” aiutava le persone a capire la natura della mente, i principi fondamentali, quindi era un corso molto potente da questo punto di vista. Anzi, ti dirò che è stato il corso che ha caratterizzato, e tutt’ora caratterizza, l’espansione in Italia e non solo, anche all’estero attualmente.

Cosa c’era d’altro? Erano disponibili i libri “Problemi del Lavoro”, “Fondamenti del Pensiero”, anche questi  con delle traduzioni purtroppo un po’ imperfette. Comunque funzionavano abbastanza. C’erano i libri “Self Analisi, “La Tesi Originale” ed “Evoluzione di una Scienza”; due libri questi ultimi che, purtroppo, in base ai sondaggi che facevamo, non venivano molto letti, perché, ad esempio, “Evoluzione di una Scienza” all’epoca era considerato un po’ tecnico, cioè non era un libro facile da masticare all’epoca, forse a causa della veste grafica o della traduzione. La “Tesi Originale” era già un libro più avvicinabile, specialmente i primi capitoli, che erano coperti anche dal “Corso di Anatomia della Mente Umana”.

Quindi si è riusciti a lavorare bene, grazie all’uso di questi dati, però la tecnica di Dianetica come libro fondamentale del ‘50 non ce l’avevamo negli anni ‘70, è arrivata negli anni ’80. E’ andata in uso abbastanza bene dall’81, quando abbiamo fatto il primo grande seminario. E’ diventata sempre più comprensibile dall’84, quando abbiamo fatto delle azioni di promozione aperta: avevamo un programma televisivo, l’edizione distribuita da Mondadori in tutte le librerie, eccetera. Quindi ha cominciato a diventare un libro sempre più trainante.

E&V: Chi erano i veri pionieri dell’espansione italiana?

Pier: Diciamo che ho sempre considerato i veri pionieri dell’espansione quegli Scientologist che noi chiamiamo tecnicamente Field Staff Member (ndr: FSM, Membri dello Staff nel Campo). Cioè, le persone che, anche se non erano ufficialmente parte dello staff delle Org, facevano un buon lavoro. Ti dico la verità, mi verrebbe difficile dirti tutti i nomi, ma devo dare un riconoscimento a certa gente che è tutt’ora attiva e che a quel tempo si è impegnata. Erano persone che magari organizzavano un piccolo seminario a casa loro, una piccola conferenza, qualche piccolo corso introduttivo. Poi se parliamo di pionieri…

E&V: I pilastri dell’espansione?

Pier: Più che pilastri, coloro che effettivamente ci hanno lavorato con una strategia. Mettiamola così: non era più un’idea che avevamo sposato, era diventata una missione, quindi anche una strategia operativa.

Io a quell’epoca ero Dir Clearing, quindi ovviamente mi sono avvalso di questa gente. Per dire, nell’area di Novara c’era un gruppo di persone che facevano un buon lavoro, alcune sono tuttora vive e vegete, qualcuno ha preso una sbandata ma a quel tempo davano un aiuto. A Brescia pure, quindi diciamo non è che io non voglio dire dei nomi, non mi interessa, non voglio fare dei torti a nessuno. Quindi, in questi nomi non mettete neanche il mio, non mi interessa, non è quello il punto. Il punto è che l’espansione di Scientology non è stata solo l’opera individuale di qualcuno, c’era un forte accordo, per cui localmente, se andavi a Pordenone c’era Franchini, se andavi a Padova c’era la signora Arpa, in ogni area c’era qualcuno che era un po’ il sostenitore. Ovviamente l’org di Milano era ben organizzata, aveva una bella Divisione del Pubblico, quindi noi aiutavamo dando supporto a scientologist upstat che han voluto dare il loro aiuto. Chiaro se poi vogliamo fare i nomi, iniziamo a dire che c’era Rossella che lavorava in Divisione 6, c’ero io staff della Divisione 6, c’era Francesco Clemente che è un bravissimo conferenziere, c’era Pierluigi Bonici di Roma. Avevamo addirittura delle persone di Atene che lavoravano con noi, quindi era un team abbastanza grande. Diciamo che non è stata fatta l’espansione da una persona, come qualcuno potrebbe pensare, non è proprio vero. C’era molta partecipazione di tanti Scientologist e FSM. Come tutt’oggi.

E&V: Qualcuno di quelli che sì lamentano oggi, come Lugli e gli squirrel indipendenti, ti risulta fossero figure di spicco nell’espansione italiana?

Pier:  Non voglio essere cattivo, perché non amo fare questo tipo di cose, però devo dire che chi millanta oggi certi meriti dovrebbe guardare bene a cosa ha realizzato. Perché, personalmente, se dovessi fare delle accuse, avrei delle cose interessanti da tirare fuori dagli armadi per ognuno di loro. Ma non lo voglio fare.

Non voglio proprio essere cattivo, però devo anche dire un po’ come la penso. Non sono più arrabbiato per l’email che ho ricevuto (ndr: vedere l’articolo “Un Messaggio da Pier Paderni”), per carità, l’ho anche scritto qual è il mio punto di vista. Però voglio dire, se uno avesse l’onestà, e se fosse una persona di un certo valore, cercherebbe una comunicazione non cercherebbe di colpire alle spalle. Tanto più quando magari è qualcuno che, di base, scusami la parola, se te la dico come la penso, è un vigliacco, e lo è stato da sempre. Capisci? Questo è il mio punto di vista.

E&V: Grazie Pier per la tua disponibilità e per le risposte che hai dato.

o0O0o

Lasciamo la parola agli utenti che, se vogliono, possono contribuire, come ha fatto Pier, a rendere noto ciò che realmente accadeva a quell’epoca, cioè: chi contribuiva e chi invece si lasciava trasportare approfittando dello sforzo dei veri rematori.

Etica e Verità 

Questa voce è stata pubblicata in Squirrel: bugie. Contrassegna il permalink.

88 risposte a Le Bugie degli Squirrel – Parte 1 – I Veri Pionieri

  1. antonella ha detto:

    Comunque hanno una similitudine con Marty Rathbun, ovvero manie di grandezza, basate su parole!
    Le persone che hanno fatto tanto lavoro per Scientology sono molto umili e loro stesse pensano non sia mai abbastanza (Tom Cruise per esempio), cosi’ come molti altri Scientologist che non sono celebrity o VIP.
    Vero Luigi Brambani mitico, che secondo te hai fatto poco niente a come ti atteggi, invece sei un grande!
    Marty e C americanini, australianini, inglesini e italianini, vi mando per l’ennesima volta ha impagliare le scope di saggina.
    Così cominciate ad ottenere qualche risultato vero e non tarocco.

  2. elena ha detto:

    Mamma mia che vergogna, davvero! Dovrebbero andare a nascondersi, ma quante deve averne fatte il signor Lugli per essere cosi’ pieno di veleno?

    Elena

  3. Tonhl ha detto:

    Grazie del riconoscimento redazione! ehehe E’ stato illuminante sentire direttamente dalla voce di Pier come sono andate le cose.
    I “lugli col bene che un vi voglio vedrai che finirà e poi hai hai hai hai!” sono veramente dei piccoli esseri, meschini, vili e vigliacchi, e ha ragione Pier quando dice che se fossero esseri di un certo valore cercherebbero una comunicazione e non colpire alle spalle.Io ho conosciuto per pochi giorni solo tiziano, e m’è sinceramente bastato…..!
    Sul loro BLOB riprendono articoli anti-Scientology, da giornali anti-Scientology e riprendono bugie ormai smentite più e più volte. Fanno veramente pena!
    braccobaldy(minuscolo voluto) in primis, anche lui pieno di astio e veleno, ma come mai? anche te “mancanza di massa”? la anita un te la dà o è modello gardini scaldavivande e un la tromberebbe manco l’uomo delle nevi? Oppure hai fatto qualcosa che noi non sappiamo?
    Se voi non aveste i coglioni grossi come semi di mela (anzi forse sò già grossi quelli) sarebbe interessante confrontarsi e fare due chiacchere…..peccato valete meno di un “c….o moscio per una ninfomane” (scusate il francesismo!) e quindi….nulla!
    Ciao a tutti!! 🙂

  4. Andrea Lombardi ha detto:

    Che forte Pier!
    E il 26 Novembre tiene un Seminario proprio sulla Disseminazione, a Brescia!!

    • Tonhl ha detto:

      Sai se per caso qualche volta passa da Firenze? Mi piacerebbe assistere ad una delle sue conferenze!

      Anche perchè Il mio primo FSM e suo marito (due CARISSIME persone!!) sono state disseminate da Pier negli anni 80 ed hanno aperto Firenze (loro per davvero!!) ehehe
      Ora sono staff quindi non è più mio FSM(anche se continua a farlo) ma mi sento spesso con loro ed ho un bellissimo rapporto!!

      • antonella ha detto:

        no pero’ ho qui 100 volantini della conf di Pier da dare via…
        Sai che e’ bresciano (/qualcuno mito ce l’abbiamo anche noi ne’)
        Vieni a Bresa!

      • anvedio ha detto:

        Ma… pensavo fossi tu quello che aveva partecipato al seminario di Pier citato nell’articolo.
        Sta a vedere che invece era Ilario. 🙂

      • Tohnl ha detto:

        La seconda che hai detto Anvedio!
        io ho fatto il lavoro “sporco” ahahahahah 🙂

    • elena ha detto:

      Andrea, hai annunciato che uno staff di Brescia che e’ in training ha attestato CLEAR a Flag pochi giorni fa?

      Elena

      • antonella ha detto:

        Non uno staff qualunque,il SNR C/S I/T dell’Org di Brescia,(in co auditing cosi’ mi ha detto l’ED che di sicuro lo sa)

      • Tohnl ha detto:

        Grande Prova!!!!! COMPLIMENTI A BRESCIA E AL CLEAR!!!! 🙂
        Cmq, ora che ricordo, Io a Brescia feci uno spettacolo prima di fare un film nel 2003, credo si chiamasse Celtic Days….possibile? Ne sapete qualcosa?

  5. Il Paolo ha detto:

    Io c’ero, eccome se c’ero. E se Claudio e Renata sono responsabili di qualche espansione mi taglio i gioielli di famiglia e li getto ai cani.
    La loro influenza nell’espansione, inclusa, ma non solo, l’apertura di Roma, equivale a zero sotto zero. Non hanno neanche un minimo di pudore e vergogna cercando di accaparrarsi meriti altrui. Anch’io ho decine di lettere di Ron che rispondeva alle mie comunicazioni. All’epoca la linea delle lettere a Ron (SO # 1 line) era un’istituzione, e ognuno di noi mandava una lettera a Ron ogni settimana se non di più. Ogni staff e public poteva scrivere a Ron e veniva incoraggiato a farlo. Ad un certo punto c’era pure una statistica delle lettere a Ron. Ovviamente ognuno di noi tendeva a mandargli buone notizie, tipo: abbiamo aperto Palermo, conferenza fatto a Treviso, iniziato Amatomia (AHM) a Chivasso, eccetera. E Ron rispondeva sempre qualcosa tipo “Grazie per le fantastiche notizie riguardo…(Palermo, Treviso, Chivasso)”, poi si interessava alle cose personali che gli avevi scritto, sempre con la massima pertinenza. Chiunque, pubblicando una risposta fuori contesto come ha fatto Lugli, può arrogarsi il merito di aver aperto qualcosa, magari era solo la porta d’ingresso.
    Pier è troppo magnanimo, ma la verità è che Claudio e Renata andarono a Roma perchè una loro situazione personale metteva a rischio il gruppo. Poi sarà anche vero che, mentre erano là, li hanno fatti lavorare un po’, tanto per fargli fare qualcosa di utile. Ma da lì a far credere di aver aperto Roma, ne passa di differenza.
    Chi c’era all’epoca, conosce quelli che hanno fatto veramente qualcosa di determinante per espandere Dianetics e Scientology in Italia, e i Lugli in quella lista non c’erano proprio.

    Il Paolo

    • antonella ha detto:

      Pero’!
      Vanno a Roma e fanno poco o niente e vengono a Brescia e raccontano grandi cose che non sono vere!
      Vanno a Los Angeles e raccontano di essere quello che non sono e vengono via coi debiti dei negozi
      Vengono a Brescia e raccontano che a Los Angeles sono celebrity
      1000 ore di oggettivi per tornare in pt .
      Mi piacerebbe che qualcuno raccontasse la loro storia come Flag Fsm
      Per Brescia testimonio io:quasi inesistenti!
      E come me ci sono molti altri testimoni.
      Comunque case totalmente bypassati anche questi

    • Tonhl ha detto:

      Una volta Li chiamavano “Palle di gelatina”……. 🙂

    • Tonhl ha detto:

      Grande Paolo! Dignene! 🙂

  6. Auditor ha detto:

    Caro Davide, se mi lasci un pò di spazio vorrei trasmettere un messaggio che potrebbe essere utile ad alcune persone che non ho tanta voglia di aiutare personalmente, perchè trovo che chi ha studiato un attimo Ron Hubbard, dovrebbe sapere che si dovrebbe avere una comunicazione sincera e genuina per ottenere qualcosa nella vita, invece di essere falsi con tanto di sorrisetto, che comunque è un tipo di comunicazione che si trova nella banda 1.1 ed è fin troppo comune purtroppo. Penso che questo aspetto portato avanti negli anni, è uno dei fattori che ha causato un deterioramento dei rapporti e conseguente “drammatizzazione indipendente”. Magari sia io che alcuni miei PC siamo fin troppo schietti, ma vuoi mettere avere la libertà di comunicare liberamente e poter esprimere dei veri sentimenti? Tutta un’altra storia e sicuramente non rischi di finire su basse condizioni.
    Nella conferenza 30 Dicembre 1954 “COMUNICAZIONE E PROBLEMI” Ron dice:

    “Le persone che hanno costantemente mancato di comunicare con voi probabilmente sono diventate degli enigmi, sono diventate dei segreti, sono diventate persone che nutrono motivazioni sospette, persone che sostengono cause molto strane.”
    “Prendiamo in esame tutti i problemi. Se diamo una bella occhiata a tutti i problemi, scopriamo che un problema diventa tale quando, da qualche parte, la comunicazione fallisce. La nascita di un problema è l’interruzione di una linea di comunicazione. Ogni volta che tagliate una linea di comunicazione vi ritrovate con un problema.”
    E’ un dato di fatto che alcune linee di comunicazione potrebbero essere ignorate. Si potrebbero ignorare un bel pò di linee di comunicazione….in effetti si potrebbe. Potreste semplicemente andarvene e dimenticarvene, sapete? Fintantochè non foste veramente stati in comunicazione in qualche modo su quella linea, potreste lasciarla perdere. Proviamo però, a prendere quella linea, proviamo a combatterla: avremo un problema. Potevamo ignorarla, ma se iniziamo a comunicare e poi tagliamo la comunicazione, da lì in poi avremo un problema. E’ una cosa spaventosa, perchè voi siete andati fuori comunicazione con un sacco di cose, volenti o nolenti.”
    “Sapendo che per ripristinare la capacità, occorre creare e interrompere la comunicazione – e nient’altro – una simile persona è in grado di padroneggiare la saggezza, poichè la saggezza si concretizza nella misura in cui una persona è in grado di creare e rompere la comunicazione con l’esistenza. L’ignoranza e la stupidità si concretizzano nella misura in cui una persona smette di farlo. Quando una persona smette di comunicare, quando tronca la comunicazione e dice ‘mai più’, determina un’incapacità o una stupidità in quel particolare campo”.

    Poi nella conferenza 30 Dicembre 1954 “TERMINALI E COMUNICAZIONE” Ron dice:

    “Sembra uno scherzo e invece è vero: le persone sono fissate su qualcosa semplicemente perchè stanno aspettando una risposta. Oppure stanno aspettando che qualcuno dia origine a una comunicazione. Oppure stanno aspettando un riconoscimento. Oppure stanno aspettando di assicurarsi che stanno parlando a qualcosa che è vivo.”
    “Qui si può vedere, se si ha a che fare con un problema di terminali fissi, se si ha a che fare con una mancanza di parti della comunicazione, con una mancanza di origini della comunicazione, con una mancanza di forme viventi, una mancanza di risposte e una mancanza di riconoscimenti…. Se ci stiamo scontrando con un’assenza di queste cose, se queste cose ci bloccano e ci rendono fissati in qualche modo, se queste cose diventano quei terminali che ritroviamo come circuiti demoni e altre cose nella mente umana… se è così, ne dovrebbe conseguire che una persona si esteriorizzerebbe e uscirebbe facilmente da questi terminali e da queste fissazioni, nell’attimo in cui ristabilissimo tutte queste cose, queste origini, forme viventi, risposte e riconoscimenti che dovrebbero essere presenti. Dovrebbe semplicemente uscire da quei terminali, semplicemente così.”

    Poi nella conferenza 29 Dicembre 1954 “GIOCHI” Ron dice:

    “Scoprirete che se controllate in modo piuttosto scadente la comunicazione -pardon, se controllate in modo sporadico la comunicazione – ovvero è occasionale, a volte è sorprendente, e così via, avanti e indietro….
    non è una buona comunicazione, ma è ancora comunicazione – avrete, se le fazioni che giocano sono due, un gioco in un certo modo antagonistico. Le due fazioni saranno impegnate in un combattimento. E’ la guerra. Le fazioni si scambiano in un modo o nell’altro, avanti e indietro, masse pesanti, sorprendenti, occasionali, impreviste e si ha una guerra. La qualità di un gioco, quindi, è regolata dalla comunicazione coinvolta”.
    LRH

    Va bè davide, mi sono dilungata, ma questo è un fattore molto importante, che tu sia d’accordo con me o meno, io so per certo che negli anni è stata portata avanti una “linea nemica” che suggeriva di “non esporsi”, di “essere diplomatici”, di “non puoi dire tutto quello che pensi” ecc.

    E il risultato è bene in vista ora! Posso testimoniare che questa era una “linea nemica” originata da non so chi, ma di sicuro tutto ciò non è vero!!! Altrimenti a me sarebbe stata tagliata direttamente la lingua. L’ultima volta che sono stata in una AO, mi sono trovata una pila di rapporti causati dalla mia lingua schietta e ti posso assicurare che l’MAA che è molto intelligente non ha fatto una piega, mi ha solo consigliato di evitare di essere troppo esplicita con le persone poco intelligenti. Si può comunicare, si deve comunicare, anche se fossero comunicazioni spiacevoli o poco simpatiche, è l’unico modo per avere successo nella vita e per avere dei rapporti decenti con le persone. E se magari fossero anche sinceri sarebbe meglio, altrimenti cosa stiamo tanto a rincorrere una consapevolezza e libertà spirituale se non siamo neanche capaci di mettere IN un fattore così elementare.

    • Motoperpetuo ha detto:

      Non ho capito cosa c’entra questo commento con l’articolo?
      Me lo vuoi spiegare?

      • Antonello Fanti ha detto:

        Mi chiedevo la stessa cosa. Fa parte di una discussione che avevi in corso con Davide da qualche altra parte? Non capisco il filo logico.

      • Tonhl ha detto:

        Credo sia un messaggio che scrive a qualche ex-scientologist, ora pecorologo nella speranza che lo legga e torni in PT (oh a volte succede davvero!!)
        Giusto Auditoressa?
        Number one!!

      • Auditor ha detto:

        Non c’entra con l’articolo difatti, ma se Davide mi permette di esprimermi liberamente, direi che in qualche modo c’entra pure, visto che per tanti anni mi sono sentita decantare questi Lugli come dei gran fighi, tanto bravi e grandi e ora siamo messi così.
        Io non li conosco, però mi lasciavano asettica, perchè non vedo di buon occhio chi vuole fare il figo con Scientology e si fa intortare dalla “sindrome dello status”. Quindi adesso mi trovo con due versioni su questi personaggi e la mia domanda è sempre quella Anvedio, quella che ti ho fatto su Minelli: ma se fossero rimasti tra noi, sarebbero stati bravi e intelligenti e fighi o era tutto “PR”? scusatemi, ma io sarei veramente interessata ad usare Scientology, per tentare di migliorare un pochettino le condizioni del mondo.

    • antonella ha detto:

      Sulla seconda conferenza posso dirti che ieri dopo 6 anni che aspettavo una comm mi e’ arrivata ed e’ vero che avevo l’attenzione fissa.
      Finalmente quando ho letto la lettera ed ho risposto mi sono sentita meno fissata….

    • antonella ha detto:

      Insomma essere un po’ pts…

      • Auditor ha detto:

        Brava Antonella, per concedersi il lusso di fare i pirla e non essere sinceri nella comunicazione, rischiando le proprie dinamiche, bisogna essere PTS, come minimo di se stessi 🙂
        pass per la lettera arrivata

    • Antonello Fanti ha detto:

      Ah ecco, non ci avevo capito un piffero. Però sìì meno criptica nei tuoi messaggi trasversali e dicci ogni tanto di che parli. così anche i ritardati come me possono capire il senso del discorso. 🙂

      • Motoperpetuo ha detto:

        Giusto, specialmente quando si cita Ron a sostegno delle proprie conclusioni.
        Certi passaggi potrebbero essere fraintesi e/o utilizzati da persone malintenzionate (leggi squirrel ed SP) a danno del gruppo.
        Ad esempio quando scrivi a Davide “che tu sia d’accordo con me o meno”, fa presumere che ci siano disaccordi.
        Oppure: “so per certo che negli anni è stata portata avanti una ‘linea nemica’ che suggeriva di ‘non esporsi’, di ‘essere diplomatici’, di ‘non puoi dire tutto quello che pensi’ ecc.”.
        Queste affermazioni POSSONO essere fraintese e usate da persone out ethics, indipendentemente dal fatto che siano vere o meno. Questo è un blog pubblico e quando si scrive va fatto con responsabilità e coscienza delle conseguenze.
        Non è la bacheca del liceo o il block notes che lasci sul tavolo di casa. La libertà di dire quel che si vuole cessa quando quel che si dice può creare danno. Ogni comunicazione ha il suo giusto posto, il suo giusto tempo e il corretto pubblico. Ad esempio non andrestri in piazza a raccontare i dati di case di un tuo PC.

      • Auditor ha detto:

        Scusa Motoperpetuo, ma con le cazzate che vengono scritte a volte, veramente non so di che parli. Non ci trovo proprio niente di strano o di male nel caso Davide e io non fossimo d’accordo su qualcosa, ma per favore!!!ma veramente!!!Sono 20anni che sento di continuo questa “linea nemica” in azione, almeno in un’ampia area, poi se da te è sempre stato tutto libero e bello, beato te!!!Qua abbiamo gente che ha levato le tende perchè era convinta che in Scientology non si potesse pensare, parlare, decidere eccetera. Così mi prendo il lusso di dire che questo non è vero!!!E’ vero che le persone codarde hanno paura e quindi fingono di essere allineate con cose con cui non sono allineate, per poi fare casini, come per esempio nel caso dell’attuale “indipendenza”. Non si capisce?

      • Motoperpetuo ha detto:

        Fa un po’ come ti pare. Secondo me a volte scrivi senza considerare dove è a chi stai scrivendo, e le conseguenze che questo può avere in trermini più ampi. Sarai certamente in buonafede, ma dovresti considerare qual è lo scopo del blog. L’ultimo commento di Davide qui in fondo è piuttosto illuminante al riguardo.
        Comunque, se ti approvano loro i commenti per me può anche andar bene, ma mi riservo il diritto di scrivere quel che penso al riguardo, come ho già fatto in passato. Bisognerebbe comprendere un po’ di più che questo non è il confessionale del Grande Fratello.
        In breve, non c’entra proprio una mazza scrivere e ripetere in questo blog quali sono le linee nemiche (secondo te) che ci sarebbero state in Scientology, Anzi, serve sì, ma AGLI SQUIRREL! Se non capisci questo è inutile discuterne.

  7. Enrico marchesini ha detto:

    Ciao A tutti,
    Io non ero uno Scientologo quando l’Italia era in piena attivita’ affinche’ la nostra religione fosse quello che e’. Io sono arrivato un bel po’ dopo e credo di non avere nessun numero particolare degno di nota da presentare come mia causa all’espansione. Quello che ho imparato in questi anni e’ che il mio operato di ieri conta relativamente poco se le azioni che mi qualificano come persona oggi sono sbagliate. Ho compreso da tempo che non si campa di gloria, nemmeno quando giustificata.
    La mia opinione di Pier Paderni che di motivi di gloria ne ha parecchi sarebbe ben al di sotto di quello che e’ se lui in questo momento, non stesse facendo attivamente azioni pro sopravvivenza. Sono le azioni che ti qualificano non la gloria, sempre che per taluni sia mai esistita.
    Ora puo’ assere che Claudio e Renata Lugli siano quello che dicono di essere, ma se cosi fosse il modello di azione che supporta le loro parole non e’ “pubblicare in un blog squirrel della presunta o effettiva gloria”. Il tipo di azioni corrette e’ vendere libri al pubblico nuovo, audire il B1, consegnare scambio sulle dinamiche, scale amministrative, aiutare persone con stesure di o/w e condizioni e qualunque altro strumento si possa usare per finalizzare la persona ad iniziare o continuare il suo cammino verso vette di spiritualita’ migliori.
    Io ho conosciuto queste due persone 6/7 anni fa’ e personalmente in tutto quel tempo non ho mai visto portare una persona all’org, non ho mai ne visto ne saputo che stavano facendo una qualche attivita’ di disseminazione. Mai.
    Personalmente ho anche voluto bene a Claudio in quanto ho sempre riconosciuto in lui qualita’ artistiche al di sopra della norma, ma tutto cio’ che ha prodotto questo bene e’ stato soldi che Claudio ha incassato per la vendita dei suoi favolosi vestiti, da me e da tutto il filotto di Scientologist che se lo potevano permettere. Parliamo di 8.000/10.000 Euro all’anno per persona.
    Basta niente piu’.
    Parlare di Ponte con loro era impossibile, in 6 anni ogni ciclo di comunicazione approdava alla inconfutabile “verita” che loro avevano raggiunto uno stato spirituale che non si sapeva dove fosse rappresentato sul Ponte e che gli stessi CS di Flag gli avevano fatto attestare tale stato.
    Il corollario per un “omucolo” come me che purtroppo si deve spannare la plebaggine del livello di OT7 era: ” come sono piccolo”.
    Balle!!
    Quello stato ha un solo nome: DUB IN.
    Questa e’ solo una piccola parte, ne ho in riserva molto piu’ che ritengo non necessaria alla causa ora.
    Detto questo, per chi ha qualche confusione su chi sta facendo Scientology e chi no, l’accuratezza che necessita e’ manifesta in una sola HCOB ” Dalle loro azioni”
    Chiedete, e controllate quali sono le azioni di disseminazione stanno facendo, non chiacchere di qualche opera spaziale…..prodotti.
    ML

    • Tonhl ha detto:

      Graaande Enrico!!! Concordo al 100% su tutta la linea!! 🙂
      A me mi sembra che lo status dei “lugli col bene che un vi voglio vedrai che finirà e poi hai hai hai hai!”sia “OTtanta voglia di dì cazzate”
      Poi ci sono gli OTrogoli come succiAmelointop e minchielli
      O le OTroie (quelle che fanno out2d tra membri della famiglia dopo una bella session del ratto-bum!)
      Poi ci sono gli OTidu fatti a 100 euro l’ora (rigorosamente al nero) e 50Euro se fatti via SKype.
      Come vedi sono pieni di OT loro, noi invece siamo meramente con i livelli OT che ci ha scritto RON…..che vòi fà Enrico! eheheh 🙂

      • Enrico marchesini ha detto:

        Ohh Tonhl!!!!
        Cosi’ stanno le cose..
        A me non fregherebbe nemmeno nulla di come uno di questi decidere di vivere nel suo universo…
        Se non fosse che cercano di spingere a forza il loro universo in quello di altri!
        che poi e’ la definizione tecnica di “allucinazione”.
        Presto finira’, e noi non ci lamentiamo per niente….questo e’ il nostro prezzo per la liberta’ e per la strada che ci siamo scelti!!
        ML

    • antonella ha detto:

      Bravissimo…
      Quello che hai scritto e’ tutto totalmente vero,e non so perche’ ci siano piu’ persone che sono cosi’ stuck su win e gloria del passato.
      2 persone le hanno portate comunque all’Org e alla Renata ho voluto molto bene anche io perche’ era una bella romanaccia anche simpatica.
      Purtroppo ora al PT non e’ piu’ nella mia lista di amicizie.
      Confermo che i vestiti erano fantastici.
      Bisogna comunque essere sinceri !

      • Enrico marchesini ha detto:

        Assolutamente si, doti artistiche voto 10, manca tutto il resto……….
        Cosi’ anche Jim Morrison, Hendrix, Joplin, e il cantante dei Nirvana per essere un po’ contemporaneo, tutti favolosi ma cosi’ PTS da arrivare all’atro capo sulla linea di comunicazione e a quel punto in quanto SP sopprimere se stessi sino a morire.

    • anvedio ha detto:

      Sarà, a me i suoi vestiti non son mai piaciuti, anzi mi facevano un po’ cachicchiare. Ve beh, de gustibus…
      Tonhl, mi dicono che tu conosci da anni i piani alti del mondo degli stilisti italiani, giusto? Beh, hai mai sentito parlare di Claudio Lugli prima di apprenderne il nome in quanto Scientologist e ora squirrel?
      Quanto alle doti artistiche, oltre che nel realizzare vestiti che non mi piacevano, non ho visto altro. Certo che, se le doti artistiche di Claudio, sono della qualità di quelle di Tiziano, siamo proprio a livello di festa dell’Unità, anzi di sagra della porchetta e del fagiolo borlotto di Roccacannuccia..

      • antonella ha detto:

        Da quello che scrivi ho capito qualcosa su di te!
        Un giorno scopriro’ chi sei.
        Non ho mai sentito Tiziano cantare, so solo quello che mi ha detto l’ex 2d
        che lei invece era ai piani alti nel canto.
        Mi astengo da scriverlo perché è negativo e visto che se ne intende più di me di musica, mi sa che quello che hai scritto tu coincide e lo prendo per buono!

      • Enrico marchesini ha detto:

        Beh in questo contesto mi pare che le qualita’ artistiche non centrano na’ fava!
        E comunque quelle di Tiziano sono peggio di quelle di Masini..lasciamo perdere….
        In discussione sono la qualita’ dell’aiuto e su questo non ci sono dubbi per entrambi.
        Lo usano unicamente a scopo di tradimento.
        Fine della questione!
        ML

      • Tohnl ha detto:

        Personalmente di nomi di stilisti Italiani (anche meno “conosciuti”) ne conosco parecchi, ma fino a che non li ho letti su questo blog manco sapevo chi erano i genitori di Tiziano. Pensavo fosse solo lui la mela marcia, e invece mi sbagliavo.
        Il nome dei lugli come stilisti non è MAI circolato negli ambienti della moda italiana di un certo livello (e anche di livello minore oserei dire per mia esperienza diretta e personale).
        Poi ripeto, non li conosco di persona prima, e li conosco dalle azioni e da quello che scrivono adesso, qundi siccome per me è “l’adesso” che conta sono semplicemente dei bugiardi, vili, vigliacchi e anche piuttosto stupidi nelle loro azioni di squirreling!

      • Tohnl ha detto:

        Enrico, peggio di Masini? ora unn’esageriamo!!! (poraccio lo conosco anche di persona Marco ehehe è un pò sfigatello ma un bravo ragazzo in fondo!)
        Cmq concordo, possano anche fare dei vestiti che farebbero vomitare un barbone, o cantare come un castrato che deve cantà l’AIDA, ma per come si comportano, fanno veramente schifo e non poco!

      • Enrico marchesini ha detto:

        Va beh dai senza offesa per Masini!!!!
        Ah ah..

    • Auditor ha detto:

      Scusa Motoperpetuo e credimi che ti capisco. Ma devi sapere che io sono una grande testa di c….o, sempre stata, però ho un pregio come Scientologa, che ho sempre avuto abbondanza di PC e sai perchè? soprattutto perchè parlo sempre chiaramente e non giustifico o nascondo mai eventuali errori miei o del mio gruppo. Proprio oggi una ragazza che aveva dei disaccordi dovuti a brutte esperienze e che era andata sui siti squirrell, per poi finire nelle mie linee mi ha detto dopo avere completato un gradino del Ponte :” voglio maneggiare tutta la mia famiglia, perchè finalmente ho trovato un 5 stelle”. Vedrai che se diventiamo più rigidi e meno ragionevoli, primo con noi stessi e poi con gli altri membri del gruppo andrà tutto bene. Ma per favore, non venirmi a dire che scrivo cose che potrebbero essere usate contro il gruppo, perchè non ci sto. Sono altre le cose scritte che possono essere usate contro e Davide sa come la penso a questo proposito, non mi sono mai permessa di scriverle in un commento, perchè penso sia un suo diritto e dovere decidere a riguardo.

      • Auditor ha detto:

        A proposito Motoperpetuo, mi è già arrivata mail da due persone che hanno letto il mio post che hai contestato, dicendo che gli è molto utile per maneggiare una sit difficile.
        Non scrivo mai a caso. l’ho scritto per maneggiare una sit molto specifica, ma invece di mandare un paio di email, ho pensato che magari qui può essere utile anche a qualcun altro. Anche se non sembra, so sempre quello che sto facendo….
        A proposito Davide, guarda che il fatto che scrivo qui, che non è assolutamente da me, sta resuscitando qualcuno che era in letargo irreversibile 🙂

  8. Luigi ha detto:

    Io ero presente nel 1980 quando si inizio a spingere su Book 1 , grandi conferenze e cosi via…
    Ho visto sbattersi e darsi tantissimo da fare da parte dei Paderni , dei Mario Sala e molti altri … Onestamente i Lugli .. Boh li ho visti una volta scendere dalla scalinata dell ‘allora corso Vittorio Emanuele e nulla di più..

  9. Er Secco ha detto:

    Si, si, tutto vero.

    Ho parlato proprio oggi con uno dei primi romani che mi ha confermato proprio questa versione.

    Che dire… I piognieri….o meglio i “pii ignari”. Più che Romolo e Remo, diremmo “ah remolo, rema, datte da fà!”

    Ogni grande gruppo è il risultato delle azioni causative e di sopravvivenza di individui animati da uno stesso scopo. Altro che protagonismi per accattivarsi le simpatie di “ignari avventori”.

    Intanto Noi continuiamo a fiorire e prosperare come gruppo compatto, proprio quello che gli squirrel non sopportano e per questo attaccano le policy, ovvero ciò che rende il gruppo compatto e protegge la Tech.

    • Stebon ha detto:

      Giusto Secco. SONO DEI GRAN BUGIARDI QUESTI DUE!

      Il primo che è arrivato a Roma per iniziare il gruppo è stato Valentino C., non certo i Lugli. E con Valentino, han lavorato duro ben altri personaggi per far andar bene le cose. Claudio e Renata possono forse aver avuto il dubbio merito di aver disseminato Maria Clara G. che da lungo tempo si è persa nelle nebbie, Ma di certo non hanno avuto il merito di aprire Roma, nè di aver fatto qualche azione determinante per la nascita del gruppo di Roma o per la sua espansione.

      Chi era lì può testimoniarlo per averlo vissuto in prima persona. Per questo dico che sono dei bugiardi matricolati. Che si vergognino.

      Se mentono su cose simili, per di più usando in modo subdolo il nome di Ron e una sua lettera personale indirizzata a quello che considerava un amico, su quante altre cose mentono? Su tutto, dico io!

      Stefano

  10. Antonio Montagna ha detto:

    Visto l’argomento – l’apertura dell’org di Roma – non ho potuto esimermi dal dire la mia anche per amore della verità che mi sento in dovere di ristabilire.

    Dunque, i Lugli (Claudio e Renata) avrebbero aperto Roma nel ’77? I Lugli chiiiiiiiii???

    Non posso credere che si possano inventare delle balle così grosse, in Scientology lo chiamiamo dub-in!

    (Diz. Tecnico Dub-in : 1) qualsiasi immagine mentale creata inconsapevolmente che sembra essere una registrazione dell’universo fisico ma che in effetti è solo una copia alterata della traccia del tempo. (HCOB 15 Mag 63) 2) un’espressione presa dall’industria cinematografica che significa mettere una traccia sonora in precedenza assente sopra qualcosa. (SH Spec 78, 6608C25) 3) Una registrazione fabbricata partendo da un’altra registrazione. (5811C07) 4. Ricordo immaginario: non esiste alcun dub-in contenente dolore. (DASF)

    Purtroppo per loro, questa non è la verità.

    E posso dirlo tranquillamente senza tema di smentita, e se avete qualcosa da dire, venite qui da me e portatemi le prove di quello che dite. Io le ho, eccome. Ho vissuto in prima persona, insieme ad altri staff dedicati a raggiungere un grande scopo, tutto il periodo della nascita e dello sviluppo dell’org, inclusi i primi attacchi a Scientology che, mannaggia, ho sempre vissuto sulla mia pelle.

    Uscendone bene naturalmente, ma intanto le ammaccature me le sono beccate io, insieme ad altri cari amici. I Lugli? E chi li ha visti?

    Per fare una veloce cronistoria dello sviluppo di Scientology a Roma, dovete sapere che il primo gruppo di Scientology a Roma è nato fra il 1974 e il 1975, in un appartamento privato nella zona EUR dove venivano dati Anatomia della Mente Umana, i TRs da 0 a 4, il corso di HQD (Hubbard Qualified Dianeticist) e diversi corsi di base. In questo appartamento nel 1976 Pier Paderni venne a tenere un corso sui TRs da 0 a 9.

    La prima vera org di Scientology di Roma si chiamava Istituto Dianetics Hubbard di Montagna Antonio Cesare, cioè era intestata a me e questa ve la dice lunga sul come andarono le cose … Eravamo pionieri, super pionieri ed io e pochi amici abbiamo dato inizio al tutto.

    I primi locali nostri, nel 1975/1976, li ricordo ancora, erano due localini, pagavo io l’affitto, erano vicino alla stazione e con me c’erano Gianmario Alampi e Valentino Carturo che abitavano a casa mia. Dopo qualche tempo si aggiunse anche Beppe Piedimonte e anche lui viveva a casa mia. Anche qui si consegnavano molti tipi di corsi di base.

    Ci trasferimmo poi in Via Palestro, nel 1978, cominciavamo ad espanderci, ogni tanto Pier Paderni veniva a fare conferenze. In quel periodo io ero già C/S di Ned.

    Si aggiunsero a noi i fratelli Bonici che si addestrarono e uno diventò Supervisore e l’altro fece il Direttore Esecutivo. Poi arrivarono Gianni Brunetti, Paolo Zerioli e Francesco D’Amore.

    Io e Francesco eravamo gli unici due auditor e si fece un gran lavoro.

    Nel 1979 arrivarono anche Carlo Alberto Chiezzi e Fabio Amicarelli.

    Successivamente, nel 1980, ci siamo trasferiti in Via del Pantheon e l’org cominciò ad espandersi sempre più.

    In tutti questi anni, a dire la verità, i due Lugli non li ho visti (i Lugli chiiiiiiii???) , chiedo anche agli altri cosa ricordano, ma per quanto posso ricordare io forse li vidi qualche volta passare di lì a fare una passeggiata.

    Chi fece il lavoro, si tirò su le maniche, si impegnò a fondo per far conoscere Scientology a Roma e cominciare a dare il servizio furono le persone che ho citato sopra a cui poi si aggiunsero altri bravi staff.

    Se devo dirla tutta, cominciai a sentire i nomi dei Lugli all’inizio anni ’80 per questioni di business legati alla moda, all’abbigliamento e non per faccende legate all’espansione di Scientology.

    Sarà pure che Ron Loving, come asseriscono Claudio e Renata, gli abbia anche detto di venire a Roma ad aprire Scientology. Certo è che nessuno li ha visti!

    Infatti io sono stato staff della Chiesa di Scientology di Roma fino al 1995, ho ricevuto un riconoscimento ufficiale come Fondatore della Chiesa di Roma.

    Anzi, colgo l’occasione di questo spazio, per ricordare con affetto ed inviare un caro saluto a tutti gli amici che in quegli anni contribuirono in modo veramente pionieristico ed eroico a creare l’espansione di Scientology a Roma e a dare vita alle premesse necessarie affinché l’attuale Org Ideale di Roma divenisse una realtà.

    Con grande amicizia,

    Antonio Montagna

    • Tohnl ha detto:

      Come si dice in inglese “/Hats Off”
      Complimenti per quello che hai fatto e grazie per averci raccontato la tua storia! 🙂

      • antonella ha detto:

        cosa significa Hat OFF?

      • Tohnl ha detto:

        Hat’s Off è il gesto di levarsi il cappello e salutare
        Si faceva dai tempi antichi in segno di rispetto, e al giorno d’oggi in america lo usano come un’espressione di un’ammirazione e rispetto molto alti verso chi lo indirizzi 😉

    • Sergio-08 ha detto:

      Bravo Antonio, grande! Eccolo un vero pioniere!!!

      Una nota: le persone che ha elencato Antonio, quelle che veramente hanno lavorato, sono ancora in giro e in buoni rapporti con Scientology marca Ron. Gli altri, i bugiardi come Lugli per interderci, o i fancazzist5i come Omar Marsiglia, sono in giro a fare gli squirrel.

      Lugli, arriverderci Roma, t’aa scordi proprio.

      Dedicata ai Romani de Roma pe’ davero_
      Arrivederci, Roma…good bye…au revoir…
      Si ritrova a pranzo a Squarciarelli
      fettuccine e vino dei Castelli
      come ai tempi belli che Pinelli immortalo’!
      Arrivederci Roma…good bye…au revoir…
      Si rivede a spasso in carrozzella e ripensa a
      quella “ciumachella” ch’era tanto bella e
      che gli ha detto sempre “no!”
      Stasera la vecchia fontana racconta alla
      solita luna la storia vicina e lontana di
      quella inglesina col naso all’insu’.
      Io proprio qui l’ho incontrata e qui,
      proprio qui l’ho baciata. Lei qui con la
      voce smarrita m’ha detto:
      “E’ finita, ritorno lassu’!”
      Ma prima di partire l’inglesina butto’ la
      monetina e sussurro’:
      Arrivederci Roma… good bye…au revoir…
      Voglio ritornar a via Margutta, voglio
      rivedere la soffitta dove m’hai tenuta
      stretta stretta in braccio a te!
      Arrivederci Roma… Non so scordarti piu’…
      Porto in Inghilterra i tuoi tramonti, porto a
      Londra Trinita’ dei Monti
      porto nel mio cuore i giuramenti e
      gli “I love you!”
      Arrivederci Roma!
      Arrivederci Roma!

    • antonella ha detto:

      Ecco,primo complimenti a te e ai tuoi amici,secondo con questa comm hai fugato proprio tutti i dubbi.
      Piu’ chiaro di cosi’
      Io ora ho fatto ad ep l’fds e mi sono tolta tutti i dati falsi sul ciclo di Roma Org.
      Brescia Org lo so,mi manca l’FDS su FLAG FSM,il ciclo a Los Angeles e il ciclo che hanno rifatto il guardaroba al COB RTC sulla nave.
      Poi tutto quello che mi han detto per me sara’ as is totale da qui all’eternita’

    • Enrico marchesini ha detto:

      Montagna sei sull’anzianotto ma vedo che la memoria non ti manca eh!!!
      Sei un grande!!!!
      quest’anno ti porto di peso a Flag!!
      ML

    • uno staff leale ha detto:

      Che bello, grazie Antonio, bellissima vera storia, alla faccia dei bugiardi.

      Elena

  11. Gerolamo Santo ha detto:

    Madonna le botte sui denti che stano prendendo ‘sti squirrel su questo blog!
    Botte da fabbro ferraio. Roba da sprofondare per la vergogna.
    A questo punto, se anche emergesse che è vero che han fatto il guaqrdaroba a COB, è logico pensare che fosse propriziazione per guadagnarsi da lui il power che non hanno. Per forza ora fanno natter. 😀

    Gerry

    • antonella ha detto:

      E’ vero che ha poca importanza,ma visto quanto ci hanno tirato per il naso vorrei chiudere il ciclo 1.1 di queste persone e basta.
      Perche’ a sto punto mi viene il dubbio che sia tutto quanto alterato quello che hanno raccontato.

    • Archie Goodwin ha detto:

      Davvero, sono proprio senza dignità.
      Quel che mi piace di questa storia (e di molte altre pubblcate sul blog) è che ci sono a disposizione tutti i dati, nero su bianco, documentati e con testimoni conosciuti e rintracciabili, che dimostrano:
      1) qual è la vera storia,
      2) che questi squirrel ed SP mentono spudoratamente,
      3) che i veri scientologist, quelli che hanno fatto e fanno il lavoro (Pier, Antonio, Stefano, ecc.) sono dalla parte giusta,

      I dati veri e le smentite sono qui e sono disponibili per fornirli a chi abbia domande o per sbatterle in faccia a chi mente.

      Grazie ad Etica e Verità per questo eccellente servizio.

      Archie

      • Monaco ha detto:

        Mi associo alle tue considerazioni e complimenti Archie.
        Inoltre, aggiungo che queste sbugiardate sono un ammonimento per gli squirrel: attenti che qui siamo allerta e non perdiamo un colpo. 🙂

      • anvedio ha detto:

        Esatto! Squirrel aprite l’ombrello che piovono schiaffi. 😀 😀 😀

      • Tohnl ha detto:

        Concordo al 100%
        Gli conviene mettersi il salvapisello ai pecorology, che con tutti gli schiaffi che pigliano sai che mal di testa (di c….o!) che gli viene!! (francesismo delle 23.39 eheheh)

  12. antonella ha detto:

    Grazie Thol,hats off for you…..

  13. antonella ha detto:

    Penso che abbiamo raggiunto l’he dei commenti oggi
    E per festeggiare ho visto una bella foto sul sito nostro di MartyRathbunBlog dei Ratti Matti a casa di Martyn Lutero….
    Ma erano in 70 a fare festa
    ahahahhahaha eravamo 4 amici al bar……
    In prima fila Tiziano Lugli seduto sullo scalino perche’ e’ il piu’ figo del gruppo!
    Yeah!

    • Etica e Verità ha detto:

      Sì, è piacevole questo movimento. Ma highest ever di commenti o visite sono poco importanti. Anzi, se ci fossero troppi scientologist che visitamo e fanno commenti su questo blog non sarei molto contento. Così come non sarebbe contento un Ethics Officer di avere troppa gente in HCO. O il PR se avesse troppe persone che fanno domande su giornali entheta,

      Non abbiamo gli stessi scopi degli squirrel in termini di visite e commenti. Chiaro che non servirfebbe se fossimo totalmente sconosciuti, ma a noi interessano soprattutto gli highest evers di risultati ottenuti con la tech di Ron nel salvare gli esseri, progressi nell’espansione e altre buone notizie nelle attività per salvare questa quarta dinamica.

      Per quanto riguarda gli squirrel e questo blog, l’importante è di non mancare neanche un colpo nello smascherare le loro bugie e mostrare la loro vera faccia.

      Una sorta di costante cortina di salvaguardia a difesa degli scientologist decenti. Lo scopo è di mantenere soppressivi e squirrel il più possibile lontani dai preclear e dalla stanza di auditing, dagli studenti e dalla classe. Manteneree in giusto grado di etica affinchè la tech possa essere applicata senza troppe interferenze.

      Davide

  14. Orazio Nelson ha detto:

    Buon giorno a tutti, è la prima volta che commento su questo blog che considero davvero molto ben fatto. E’ bellissimo rivedere sprazzi della nostra storia in Italia vissuta dai protagonisti. Io personalmente a quell’epoca c’ero, stiamo parlando degli anni Settanta, e da allora non me ne sono mai andato 🙂 Non ho avuto nessun coinvolgimento personale nell’apertura di Roma, però ho sicuramente avuto una visione d’insieme molto ampia degli sviluppi della nostra Chiesa tra gli anni Settanta e Ottanta.

    E’ verissimo che molti veri padri della Chiesa di Scientology in Italia sono persone che non si sono mai messe sotto i riflettori e che hanno sempre lavorato duro e in silenzio e che hanno sempre saputo da che parte dovevano stare.

    Pier Paderni dice la sacrosanta verità sulle evoluzioni dei primi tempi. Il libro Dianetics non era disponibile all’epoca in italiano e gli strumenti per disseminare erano ben altri: conferenze, OCA test, corsi introduttivi come l’HQS (Hubbard Qualified Scientologist) eccetera.

    Scientology in Italia ha avuto padri fondatori che meritano tutto il nostro rispetto e che hanno lavorato per Ron e per la Chiesa che lui ha sempre voluto. Persone che hanno saputo affrontare i problemi interni ed esterni con coraggio ed efficacia, e che ci hanno dato quella che probabilmente è la nazione dove Scientology è più forte sul pianeta (diciamocelo, siamo i più forti!) Nonostante le enormi difficoltà, queste persone hanno fatto cose incredibili. Pensate che gran parte dei materiali non sono stati tradotti fino alla metà degli Anni Ottanta. Si usavano traduzioni fatte a mano, decisamente fuorvianti. Ma i veri padri fondatori si sono rimboccati le maniche e hanno trovato una soluzione.

    I Lugli non sono mai comparsi minimamente nel radar delle persone veramente attive, anzi il mio ricordo di Tiziana è di una persona molto attenta unicamente agli affari propri e sempre pronta a lamentarsi di qualsiasi cosa. Ogni cosa le era dovuta e la Chiesa doveva “sbattersi” per trovare soluzioni a problemi che lei stessa si era creata. Stiamo parlando della fine degli anni Settanta.

    Quali pionieri? Mi ricordo un bellissimo evento nella classe dell’Org di Milano. Era l’agosto del 1978, eravamo in Corso Vittorio Emanuele, dove allora c’erano la divisione 6 e la divisione 4. Sul palco c’era Ron Loving e il tema della serata era dare l’avvio alla civiltà OT nel Mediterraneo. Fu un incontro memorabile, che cambiò la mia vita e sono sicuro la vita di molti altri. I Lugli dov’erano quella sera? Magari c’erano pure in sala, ma nessuno se n’è accorto. Non erano sul palco, non erano tra quelli che mettevano la loro faccia e il loro impegno per far funzionare le cose. Non erano tra quelli che dopo l’evento circolavano tra la gente per convincerla a collaborare in qualche modo al grande progetto. Forse erano troppo impegnati a casa loro, a contare gli incassi della giornata oppure a cacciarsi in qualche pasticcio.

    Io personalmente ho avuto l’onore di esserci, non mi ritengo un padre fondatore, ma ho il mio certificato di staff fondatore di cui sono particolarmente fiero. Ho le mie lettere di Ron in cui si complimentava di cose che io avevo fatto. Ai Lugli potremmo forse dare, pensandoci bene, un certificato di PTS fondatore. Che ne dite?

  15. MSV ha detto:

    Evvai, abbiamo vinto anche un luuungo commento, ovviamente critico, della Scimmionetta Popò, detta anche Richard Ginori, l’unico cesso su cui nessuno calerebbe le braghe, nonchè amica di Braccobaldy & Co 😀
    Tra le righe arriva a difendere anche la sua acerrima nemica Maria Pio Pio Gardini pur di spargere bioccolini di cacca su Scientology. Brava Scimmionetta, masticati il fegato. Nullità eri, nullità sei e nullità sarai. Utile.al mondo quanto una scoria radioattiva.
    Dai dai che Dio li fa e prima o poi li accoppa. 😀

    Michele

    • antonella ha detto:

      Eh Caro Michele,tutto perche’ vuole le poesie di TOHNL,ma adesso basta!

    • Tonhl ha detto:

      Bravo, l’ho letto anch’io, e le ho risposto nell’altro nostro topic. eheheeh povera stellina si sente offesa perchè è poco considerata!
      Dai stellina, magari un giorno faremo un articolo anche su di te! 🙂

  16. Pier Paderni ha detto:

    Non amo dare giudizi… a volte mi piace esprimere una opinione personale.
    chi ha orecchie per intendere intenda…

    “Le nostre sono linee di comunicazione potenti. Sono potenti perchè sono linee theta. L’entheta (theta inturbolato) trae tutto il potere che ha dal fatto di essere parassita di linee theta. E’ solamente quando aggiungiamo la potenza delle nostre linee alla debolezza delle linee entheta, che queste possono avere forza.”
    (LRH – Introduzione all’Etica di Scientology)

    un dato operativo: da “Creazione della capacità umana” – R2-43 !!!

    Per il mio gusto estetico, in un’arena di gladiatori, ciò che mi ripugna è il sangue che tutto insozza…
    Per favore tormiano ad un linguaggio degno di persone di classe….

    • Etica e Verità ha detto:

      M’adeguo senza meno e sollecito i ragazzacci scapestrati a fare altrettanto. Inutile sporcare il potere dei dati veri che scriviamo negli articoli, aggiungendo parole ed espressioni volgari che nulla aggiungono a tale potere.

      Sapete che siamo piuttosto tolleranti nella moderazione dei commenti, quindi esorto ognuno ad applicare auto-disciplina, senza che sia necessario l’intervento di alcun censore.

      Davide

    • Auditor ha detto:

      Bravo Pier, finalmente!ci voleva!!!

      • Leonida ha detto:

        Ettepareva che lei non era contenta. 🙂

        Leo

      • anvedio ha detto:

        Sta buono Leo, hanno ragione, sia Pier che Auditor.
        Rileggi quello che hanno scritto Pier e Davide e vediamo di usare autodisciplina senza che debba intervenire qualcuno a censurare o Pier a indicarci la reference di Ron.
        Questo vale anche per Michele, Antonella e Tonhl. Oltre tutto quello che scrivete è già efficace e chiaro senza aggiungere inutili “fioriture”, al limite sostituite con qualche “blip”. 🙂

    • antonella ha detto:

      Ciao Pier!
      Mito!

    • Tonhl ha detto:

      Ciao Pier!!!! E’ un piacere per me “leggerti” dopo averti “trascritto” 🙂
      Innazitutto se con qualche mio post sono andato fuori del seminato me ne scuso!
      Non è una giustificazione, ma a Firenze siamo proprio così come “Etnia”, sennò un ci chiamavano maledetti Toscani! ehehe. Noi si piglia in giro tutto e tutti, a volte anche pesantemente, e mi rendo conto che ai “non-fiorentini” può risultare quantomento “bizzarra” la cosa… 🙂
      Ciò non toglie che però la cosa si può (e si deve) migliorare, specialmente se ci sono cose che possono risultare sgradevoli a chi le legge.
      Io faccio quello che faccio perchè ho sperimentato che un SP non regge la luce della verità…..e se poi questa verità gliela dici con la satira….allora si che impazza!!
      Quindi, Anvedio e Davide, se qualche volta “la fò fuori dal vaso” fatemi sapere, che almeno aggiusto il tiro! Io con i miei commenti voglio far divertire le persone, mica schifarle!!! 🙂
      Quindi Sorry Again Piero,e sorry a tutti quelli a cui i miei post hanno dato fastidio, e spero proprio di poterti incontrare presto dal vivo!
      PS: Ti Salutano Marta e Flavio di Firenze……quelli che grazie a te hanno poi aperto la mission di Firenze!!!! 🙂 🙂 🙂
      PPS: Auditoressa!!! ho letto ora il post!! scusa mica l’avevo visto!!! Ora ho capito tutto!!! Ti mando un abbraccione!!! 🙂

      • Auditor ha detto:

        Caro Tonhl, lo so che ti sono sembrata fredda, cinica e spietata, ma quando avrai metabolizzato, fammi sapere come ti senti. Di solito funziono nella mia spietatezza perchè, ricordatelo sempre, lo scopo della mia vita è “ESSERI LIBERI”, ma sul serio, mica chiacchiere. Ma caro il mio Tonhl, che è tanto buono!!!

      • Tonhl ha detto:

        Quando l’avrò metabolizzato? ahaha io appena mangio un piatto di pasta ciò già fame e dico “quando si cena?” ehehe
        Tempo? cosa è il tempo? Io sono operativo al 100% non ci vuole “tempo” per le cose quando le duplichi 🙂
        L’unico tempo che conosco è fuori, quando è nuvolo, quando c’è il sole…. ecc. ecc. 🙂

  17. Auditor ha detto:

    sì sì sì Leonida contentissima! Davide è un ingegnere astrofisico strepitoso, ma non mi dà mai retta! Caro il mio Davide che io lo adoro!!!Viva il Grado 4 IN!!!

    • Auditor ha detto:

      Caro Anvedio, sei una delle cose più Belle che siano capitate a questo nostro povero mondo…ma non si tratta di scrivere “bip” al posto di “brutto sorcio pedofilo impotente”, credo che Pier intendesse “andare su una banda estetica”….su toni alti non ti viene da scrivere “bip”…Giusto Pier? Insegnaci tu che qua siamo un pò camionisti centravanti dell’atalanta.

      • anvedio ha detto:

        “Blip” non “Bip”. Reference la decalogia di Missione Terra. Leggila che ti diverti. 🙂

        Son sicuro che, parlando di “linguaggio degno di persone di classe”, Pier si riferisca al linguaggio poco elegante usato in alcuni commenti.

        Sono d’accordo anche riguardo il livello di tono, ma ti garantisco che qualche espressione salace, aggiustata con qualche “blip” non guasta. Ron non era certo basso di Tono e il romanzo sopraccitato è divertente, uptone e pieno di “blip”.

        D’altra parte questi blippardi si sono meritati qualche vaffanblip.

    • Etica e Verità ha detto:

      Ma io ti ascolto mia stella rifulgente…. quando ci sono e quando ho tempo.
      D’altra parte, come vedi, i miei articoli e i miei commenti sono sempre rispettosi e scritti con un certo stile, perfino quando faccio la carognetta. 🙂
      Per il resto, per cause di forza maggiore, mi devo affidare al buon senso e all’autodisciplina ai fantastici utenti del blog, oltre che all’aiuto delle persone di buon senso come te.
      Per questo ti consiiglio di adottare l’approccio e l’eleganza di Pier per ottenere il risultato che desideri in questo campo, mi sarai di grande aiuto.

      Davide

      • Auditor ha detto:

        L’approccio e l’eleganza di Pier? Ma siamo diversi!!!Ma mi hai mai visto?
        Tonhl spiegagli tu 🙂

  18. antonella ha detto:

    “Questo vale anche per Michele, Antonella e Tonhl, Oltre tutto quello che scrivete è già efficace e chiaro senza aggiungere inutili “fioriture”, al limite sostituite con qualche “blip”.

    OK CAPO!

I commenti sono chiusi.