Scientology non si compra

stretta di mano

«Una civiltà senza pazzia, senza criminali e senza guerre, in cui le persone capaci possano prosperare e gli essere onesti possano aver dei diritti, in cui l’Uomo sia libero di innalzarsi a più elevate altezze; queste sono le mete di Scientology.»

L. Ron Hubbard
(“Le mete di Scientology”)

Ne “Le mete di Scientology” , L. Ron Hubbard ci dice: “Noi possiamo sbagliare, perché costruiamo un mondo servendoci di pagliuzze spezzate ma non tradiremo mai la tua fiducia finché sarai uno di noi” .

Uno scientologist viene definito in vari modi.

Una delle definizioni migliori è la def. n° 1 del dizionario tecnico che definisce scientologist “ chi sta migliorando le condizioni proprie e le condizioni degli altri usando la tecnologia di Scientology ”.

Un’altra definizione (tratta dall’HCOB del 18 luglio 1959 “Tecnicamente parlando”) è che “ uno scientologist non è una vittima ”.

Sappiamo che vittima ha a che fare con il concetto di Causa ed Effetto. La vita è causa. La materia è effetto. Tanto più siamo a punto causa, tanto più siamo vivi. Tanto più siamo a punto effetto, tanto meno siamo vivi.

(Per continuare a leggere clicca qui)

Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.