Tecnicamente parlando… ultima parte

viso nel cielo

«La confusione può rimanere dov’è finché c’è un dato stabile che la tiene in sospeso. Questa cosa è così tenue e un thetan o un essere la cambiano con tanta facilità, che essa non intralcia molto nessuno. E’ solo quando diventa una soluzione aberrata, la cui perdita minaccia la sopravvivenza, che l’individuo non riesce a scaricare la massa che vi è connessa. Se riuscite a vedere la confusione come un dato stabile, vi renderete conto che è possibile estrarre il dato stabile dal centro della confusione e, a quel punto, provocare la scarica dell’energia che sta venendo tenuta ferma. E’ una nuova scoperta, vedete? Che cosa sta tenendo ferma la confusione? Un dato stabile. E’ un pensiero nuovo, poiché vi occupate della vita sempre procedendo nella direzione opposta. Avete troppa confusione; introducete un dato stabile nella confusione e questa si allinea al dato stabile. E’ stato così che l’avete usata prima. D’accordo, guardiamo la cosa dall’angolatura opposta: come viene tenuta ferma la confusione? La confusione viene tenuta ferma da un dato stabile. Di conseguenza, la rimozione del dato stabile fa scaricare la confusione.

(…)

Finché una persona tiene fermo il dato stabile, la confusione non si scaricherà. Lo vedete? Ecco quindi dell’altra tecnologia avanzata, tecnologia parecchio degna di nota, che ci ha accompagnato per molto tempo e che consiste semplicemente nel guardare la cosa dall’angolatura opposta. Ora sappiamo come viene tenuta ferma la confusione.»

L. Ron Hubbard

(Conferenza 4 Sett 1963 “Come trovare un facsimile di servizio”)

Credo che nessun altro riferimento di Ron, proprio nessuno, possa spiegare lo stato mentale della “indipendenza” e cosa dovrebbe fare per tornare a una parvenza di normalità.

Per la mia piccola esperienza, non ho mai visto una scena altrettanto demenziale, come quella ideata da Rathbun.

(Per continuare a leggere clicca qui)

Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.